A piedi da Monza in Calabria: colazione a Cervinara

A piedi da Monza in Calabria: colazione a Cervinara

3 Luglio 2014

di Il Caudino

Si sono fermati solo per un veloce caffè, questa mattina presto,  presso il bar Momò nella centralissima via Roma a Cervinara, perché il loro è un cammino lungo. Il barman, Francesco Patari, ha compreso subito che si trovava di fronte a due persone che non erano del posto. Ed i due compagni di viaggio hanno solo rivelato di essere partiti da Monza, a piedi, il 19 maggio scorso e sono diretti in Calabria. Francesco  si è fatto scattare una foto insieme a loro e noi, partendo dallo scatto, abbiamo ricostruito una storia davvero appassionante che va oltre il percorrere la penisola a piedi. I due compagni di viaggio che si sono fermati a Cervinara questa mattina sono Valerio D’Ippolito e l’amico Valentino Marchiori. D’Ippolito è il referente dell’associazione Libera, che lotta contro tutte le mafie, di Monza. La loro è una marcia per la legalità ed altamente simbolica. Sono partiti il 19 maggio da San Fruttuoso, frazione agricola di  Monza, e devono arrivare a Petilia di Policastro in provincia di Crotone. Lo fanno per ricordare la collaboratrice di giustizia Lea Garofalo, fatta torturare ed uccidere dal suo compagno Carlo Cosco, perché intenzionata a deporre contro una cosca di Ndragheta di Petilia di Policastro. I due amici, quindi, hanno dato via a questa marcia della legalità per ricordare una donna coraggiosa e per invitare a non piegare la testa davanti ai soprusi. D’Ippolito e Marchiori, questa sera si fermeranno a Summonte, per poi domattina continuare il loro cammino.

P. V.

 

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Attualità Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST calabria cervinara Home monza ndrangheta