Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Addio alla signora Rosetta, la ragazzina che venne dal Veneto a Cervinara solo per amore

Pubblicato il 18 Gennaio 2023 - 11:12

Addio alla signora Rosetta, la ragazzina che venne dal Veneto a Cervinara solo per amore

Addio alla signora Rosetta, la ragazzina che venne dal Veneto a Cervinara solo per amore. Era bello vederla, nei tramonti di primavera e d’estate, salire per i Finelli ed arrivare sino alla chiesa di Sant’Adiutore Vescovo, Poi, dopo la messa, tornava verso casa. Sempre vestita a puntino, magari con qualche foulard colorato per la sua vanità femminile, salutava tutti con garbo e gentilezza.

Una lunga storia d’amore

All’età di novanta anni, la signora Rosetta Fattorusso ha deciso di raggiungere il marito Vincenzo Napolitano e l’amato figlio Tonino. Quella con suo marito è stata davvero una lunga e splendida storia d’amore.

Un amore così grande che le fece lasciare il Veneto, la sua terra natia,  per trasferirsi in Valle Caudina, prima a Forchia e poi in via Finelli a Cervinara. Provate ad immaginare cosa voglia dire per una ragazzina cresciuta in Veneto ambientarsi dalle nostre parti. E farlo agli inizi degli anni cinquanta del secolo scorso, quando la mentalità era davvero chiusa

Per lei sarà stato difficile anche capire soltanto la lingua. Ma l’amore sa compiere miracoli e il legame con il marito Vincenzo e poi la nascita di tre figli, Domenico, Mario ed il compianto Tonino, le hanno permesso di superare tutti gli ostacoli.

Era diventata una perfetta cervinarese ed una salomonara a tutti gli effetti. Aveva, però, mantenuto quella grazia e quella signorilità che incutevano rispetto. Era riuscita a prendere il meglio da Cervinara, lasciando fuori dalla porte tutto il peggio che ci portiamo dietro.

Oltre ai figli Mimì e Mario Napolitano, la piangono le  nuore Lina, Stefania e Giovanna, la sorella Anna ed i suoi amatissimi nipoti. L’ultimo saluto alla signora Rosetta ci sarà nel pomeriggio di oggi, mercoledì 18 gennaio, a partire dalle ore 15,00 nella sua amata chiesa di Sant’Adiutore.

La redazione ed il direttore de Il Caudino si stringono alla famiglia Napolitano, abbracciando con affetto l’amico fraterno Mario.

Continua la lettura