Arpaia: la chiesa dell’Annunziatella e le Forche Caudine

Arpaia: la chiesa dell’Annunziatella e le Forche Caudine

9 Novembre 2017

di Redazione

Come riporta la pagina facebook della delegazione Fai di Benevento, “Arpaia, per i più che la conoscono, è soltanto un punto di passaggio; ma il paese presenta varie ‘chicche’ per chi non si fa fermare dal suo aspetto trasandato. Una di queste si trova giusto a fianco dello scenografico convento della Madonna delle Grazie ed è un’altra chiesetta, più piccola ed antica, chiamata affettuosamente l’Annunziatella. Secondo alcuni, tale chiesetta esisteva già nel 1106 sotto il nome di Sancta Maria de Jugo; ma i documenti permettono di ricostruire la sua storia, fatta di abbandoni alternati a restauri, solo a partire dal 1534. E anche oggi, la chiesetta è abbandonata e inaccessibile.
Dietro un altare di stucco che sembra l’unico elemento ornamentale dell’Annunziatella, in realtà c’è un’abside con affreschi dal XIV secolo in poi. Attorno alla Madonna in trono col Bambino è una schiera di santi dalle facce severe ed espressive; e in alto un’Annunciazione, coerentemente con il nome della chiesa. Gli affreschi sono riemersi nel 1973.
Un’ultima curiosità: secondo lo storico rinascimentale Leandro Alberti, ripreso anche dai suoi successori del XIX secolo, quel “Jugo” nel nome della chiesa starebbe a significare che sorge nel punto in cui i Romani, nell’episodio delle Forche Caudine, furono costretti dai Sanniti a passare sotto il giogo”. (Le foto sono del Fai Benevento)

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Attualità Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST arpaia chiesa annunziatella fai benevento Home