Quantcast

Arresto Rame, coinvolto anche l’ex sindaco di Bonea Paradiso

6 anni fa
18 Ottobre 2014
di il caudino

Valle Caudina. La direzione distrettuale antimafia di Napoli aveva chiesto ben 24 ordinanze di custodia cautelare in carcere, ma il giudice per le indagini preliminari ne ha concesse solo tre. Una in carcere, ossia, Andrea Rame, la figura apicale di questa inchiesta e due ai domiciliari. Si tratta di due imprenditori di origini sannite, residenti a Roma. Altre sei perone, invece, tra cui due imprenditori caudini, uno di Pannarano e l’altro di Airola, ed un ragazzo di Montesarchio, sono stati sottoposti all’obbligo di firma. Le altre 15 persone, coinvolte nella indagine, invece, sono state deferite a piede libero per vari reati, tra cui turbativa d’asta, falso, estorsione e craking bancario. Tra queste ultime gli zii di Andrea Rame, Annamaria, moglie di Mimì Pagnozzi, detto ò professore, considerato dagli inquirenti, l’erede designato a guidare il clan che è egemone in Valle Caudina, da oltre 35 anni. Fortissimi i legami che legano il nipote agli zii. Basi pensare che pur di partecipare al matrimonio di Andrea, difeso dall’avvocato Dario Vannetiello, ò professore si fece notificare un’ordinanza di obbligo di dimora. Del resto, i forti legami familiari sono stati sempre il collante di questa organizzazione e ne ha garantito una longevità unica in Campania. Tra gli altri coinvolti nell’inchiesta e solo denunciati, l’ex sindaco di Bonea, Gennaro Paradiso, e due funzionario dello stesso comune. Loro devono rispondere di turbativa d’asta e di falso, per quanto riguarda una gara di appalto. Colpisce in questa inchiesta, le forze schierate dalla Dda di Napoli. Hanno seguito l’indagine ben sei pm, costituitisi in un vero e proprio pool. Per dare il senso, bisogna ricordare che lo stesso numero di magistrati è stato schierato contro il clan dei Casalesi. La dice lunga, quindi, sulla pericolosità di questo sodalizio che fa della Valle Caudina la propria casa ma che ora comincia a spaziare, davvero in tutto il mondo.

P.V.

temi di questo post