Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Bimbo azzannato da tre cani al volto

Pubblicato il 22 Dicembre 2022 - 9:54

Bimbo azzannato da tre cani al volto

Bimbo azzannato da tre cani al volto. Tre cani azzannano bimbo di 8 anni al volto. Il bilancio tragico è di quattro persone in ospedale. Sono aggredite da tre cani mentre si trovavano all’oratorio di Galbiate, comune in provincia di Lecco.

La terribile aggressione si è verificata nella giornata di oggi, martedì 20 dicembre 2022. Tutte e quattro le persone aggredite bsono state portate in ospedale. Per fortuna nessuna di loro è in pericolo di vita.

Fino a questo momento, sono verosimilmente poche le informazioni che stanno circolando. Quello che è certo è che l’aggressione è avvenuta intorno alle 17.30 all’oratorio Sala al Barro che si trova in via Rimembranze al civico 1 di Galbiate. Tre cani di razza rottweiler hanno azzannato due bambini e due donne.

Il peggio lo ha subito un bimbo di 8 anni che è stato azzannato al volto

I bimbi hanno otto e nove anni e il più piccolo è stato azzannato ferocemente al volto. Le due donne, che hanno 28 e 66 anni, avevano cercato di intervenire per difendere i minori. I tre animali erano infatti riusciti a introdursi nell’oratorio.

In questo tentativo, le due donne hanno riportato anche loro alcune ferite. Sul posto sono intervenuti i medici e i paramedici del 118. Dopo aver fornito le prime cure, hanno deciso di trasferire tutti e quattro in ospedale. Tre sono stati trasportati in codice verde e uno in codice giallo.

Denunciato il proprietario dei cani e portati in un canile gli animali

Oltre agli operatori sanitari del 118 inviati da Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza della Lombardia), sul luogo dell’aggressione sono intervenuti anche i carabinieri per capire cosa fosse successo e soprattutto individuare il proprietario dei cani.

I militari sono riusciti a rintracciarlo in poco tempo. L’uomo è stato, così, denunciato. Mentre i suoi animali sono stati portati in un canile sanitario per essere custoditi e capire il perché dell’aggressione.

Continua la lettura