Logo

Cervinara: Antonio Pallotta nuovo presidente dell’Audax

5 Agosto 2021

Cervinara: Antonio Pallotta nuovo presidente dell’Audax

Cervinara: Antonio Pallotta nuovo presidente dell’Audax. La trattativa, alla fine, ha avuto esito positivo. Finisce ufficialmente l’era Giordano, l’Audax torna nelle mani di una cordata cervinarese. Al momento, ha assunto la presidenza provvisoria il ragioniere Antonio Pallotta, mentre segretario è Giacomo Silietti. Del consiglio direttivo fa parte anche Gigi De Nicolais.

Presidenza provvisoria?

Quella di Pallotta potrebbe essere anche una presidenza provvisoria, in quanto la cordata resta aperta al contributo di imprenditori della zona che vogliono continuare la tradizione calcistica di una società,, divenuta, nel corso degli anni un nome di tutto rilievo a livello regionale e non solo.

I rappresentanti delle nuova società hanno incontrato Michele Giordano in un locale del napoletano per esplicare il passaggio di consegne. La cordata ringrazia l’imprenditore per quello che ha fatto in questi due anni. E ringrazia anche l’impegno profuso dall’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Caterina Lengua.

Ora si dovranno scegliere allenatore e direttore sportivo che, a loro volta, avranno il compito di allestire una squadra che tutti i tifosi si augurano sia di vertice.  Il sogno di tutti resta la serie D, ma tutto dipenderà dalle risorse economiche che potranno essere messe in campo.

Probabilmente, nei prossimi giorni verranno organizzati incontri con imprenditori locali, non solo di Cervinara per capire quale potrà essere il loro impegno.

Le questioni economiche

Le questioni economiche restano fondamentali per allestire una squadra che possa dire la sua in un campionato difficile come quello dell’Eccellenza.

Senza contare che, almeno, per i primi mesi di preparazione e poi di campionato, l’Audax non potrà giocare tra le mura amiche del Canada- Roberto Cioffi. Il campo sportivo, infatti, sarà sottoposto a dei lavori che dureranno minimo 65 giorni dal momento della consegna.

Insomma, le difficoltà non mancheranno. Ma il terreno spinoso sembra essere una costante per questa squadra e questa società che, come l’araba fenice, risorge sempre dalla proprie ceneri.