Cervinara: furto ad un’abitazione in pieno centro

Cervinara: furto ad un’abitazione in pieno centro

30 Aprile 2021

di Redazione

Cervinara: furto ad un’abitazione in pieno centro. I ladri tornano in azione a Cervinara e scelgono di farlo in modo eclatante. Non solo hanno preso di mira un’abitazione del centro e lo hanno intorno alle 21,30, quando tanta gente si trova ancora in giro. Ma hanno agito mentre i proprietari si trovano all’interno.

Proprietari in casa

È successo nella prima serata di ieri a Cervinara.i soliti ignoti si sono intrufolarti in una casa a pochi passi dal centro del comune Caudino.Erano da poco passate le 21 e 30 quando i padroni di casa hanno avvertito dei rumori provenienti dal piano superiore. Sono saliti per verificare cosa fosse successo e hanno trovato la casa sottosopra.

Ancora non è chiaro come siano potuti entrare e soprattutto spaventa il fatto che i ladri non si fermino anche se all’interno ci sono i proprietari di casa.I proprietari hanno dato l’allarme e sul posto sono intervenuti gli agenti del locale commissariato di poli che stanno cercando di dare un nome ed un volto a questi malviventi.

Nuova vittima del covid a Cervinara

Cervinara piange una nuova vittima per il covid – 19. Poco fa presso l’azienda ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino ha perso la vita una donna di 76 anni. Intanto,l ‘azienda sanitaria ha comunicato 3 nuovi casi di positività, due dei quali erano già in isolamento domiciliare in quanto familiari conviventi di altro positivo. Per altre 3 nostri concittadini, invece, è stata accertata la guarigione. Alla luce dei dati odierni le persone attualmente positive restano 67. Lo comuncia il sindaco di Cervinara Caterina Lengua.

L’allarme di Galli

uno dei virologi che, più di molti altri, fin dall’inizio della pandemia ha deciso di incarnare la linea del rigore contro il coronavirus invitando a non abbassare la guardia e – di conseguenza – a limitare le riaperture.

Quando in molti, la scorsa estate, sostenevano che il virus fosse ormai stato sconfitto invitando i cittadini a condurre una vita normale Massimo Galli, infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, non faceva che ripetere che così non era.

I fatti, purtroppo, gli hanno dato ragione. Considerato che, poi, sono arrivate una seconda e poi una terza ondata; e visto il bilancio dei morti, in continuo aumento, in un crescendo che di rossiniano ha veramente poco.

Ciò nonostante, secondo alcuni virologi, Massimo Galli continua ad essere eccessivamente duro; tra questi c’è anche Matteo Bassetti: “Non me ne faccia parlare, non vorrei perdere più tempo con gente come lui.

Ne ho piene le scatole

Ne ho piene le scuffie di far polemica con quella gente lì”, commenta Galli in un’intervista al Corriere. Poi argomenta: “Alcuni hanno avuto una notevole capacità di contraddirsi, altri praticamente mai.

Io non ero nella compagine ristretta, ma chiassosa di chi, l’estate scorsa, diceva che il virus era clinicamente morto. Né in quelli dell’immunità di gregge”. Ho sempre guardato la realtà di quello che succedeva.

Galli ne ha anche per il suo ospedale, il Sacco, “colpevole” alcuni mesi fa di averlo smentito quando dichiarò di avere il reparto “pieno di varianti inglesi”: “Loro negarono perché avevano dati non aggiornati.

È stato molto disturbante essere smentito, ma oggi l’86 % degli isolamenti è per la variante inglese”. Anche per questo, alla luce del numero ancora altissimo di contagi, Galli continua a sostenere che le riaperture del 26 aprile sono state sbagliate.

E lo fa paragonando la situazione italiana a quella del Regno Unito: “Tra noi e la Gran Bretagna c’è un gap di 30 milioni di dosi di vaccino. Nelle migliori delle ipotesi ci aspettano 60 giorni di passione.

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST centro cervinara ladri Oggi