Cervinara: problemi idrici per le utenze servite dal serbatoio di Joffredo

Redazione
Cervinara: problemi idrici per le utenze servite dal serbatoio di Joffredo
Montesarchio: giovedì mattina mancherà l'acqua in tutta la zona di via Napoli, chiuso il plesso scolastico di Ponteligno

Cervinara: problemi idrici per le utenze servite dal serbatoio di Joffredo. La società Alto Calore Servizi ha comunicato che, a causa di un guasto alla condotta idrica, potrebbero verificarsi delle disfunzioni nella erogazione dell’acqua, con cali di pressione fino alla totale mancanza di acqua, in tutte le zone servite dal serbatoio di Joffredo. L’intevento di riparazione è in corso e la stessa società prevede di completarlo nel pomeriggio. Lo comunica il sindaco di Cerrvinara Caterina Lengua.

Tromba d’aria devasta panificio

I fenomeni estremi di una crisi climatica hanno trasformato letteralmente i temporali di settembre in qualcosa di pericoloso e spaventoso.

------------
Tromba d’aria e bomba d’acqua

Questa mattina, infatti, la città di Mondragone è stata colpita da una tromba d’aria e da una conseguenziale bomba d’acqua che hanno provocato alcuni danni in alcuni quartieri della località litoranea.

Uno degli episodi più gravi è quello verificatosi in via Cementare, oggi rinominata via Diocleziano, dove la tromba d’aria ha distrutto l’impianto fotovoltaico dell’immobile dove insiste lo storico panificio Pagliaro di Mondragone.

I pannelli sono volati, intorno alle 7, giù dal tetto e come ci ha fatto notare il proprietario Giampaolo Pagliaro, che ci ha concesso anche delle foto, le forti raffiche di vento e pioggia hanno causato danni anche al muro e al cornicione.

Sul posto sono dovuti accorrere i vigili del Fuoco di Mondragone e in base ad una prima stima i danni ammonterebbero a circa 30.000 euro. Fortunatamente non si registrano danni a persone e al personale del panificio che di solito di buon mattino si recano a lavorare.

Cumolo di macerie

Nel contempo il piazzale-giardino davanti alla proprietà di Pagliaro ora è diventata un’area occupata da cio’ che resta dell’impianto fotovoltaico distrutto e dalle macerie.