Quantcast

Cervinara: violenza in via Roma, bottigliate in testa ad una ragazza

Cervinara: violenza in via Roma, bottigliate in testa ad una ragazza. Una o più bottigliate in testa, colpi per fare male, ma proprio tanto male. Poteva avvenire una tragedia
di redazione
2 mesi fa
20 Febbraio 2021
Cervinara: violenza in via Roma, bottigliate in testa ad una ragazza

Cervinara: violenza in via Roma, bottigliate in testa ad una ragazza. Una o più bottigliate in testa, colpi per fare male, ma proprio tanto male. Poteva avvenire una tragedia che, a quanto pare, è stato sfiorata solo di un soffio.

Paura e sgomento

Paura e sgomento in via Roma a Cervinara questa sera. Come sempre, tantissimi giovani in giro. Ma non vogliamo segnalare i soliti assembramenti. Ci preme evidenziare un episodio assurdo e di grande pericolosità.

Per cause che non conosciamo un ragazzo ha colpito una ragazza. L’ha colpita in testa con una bottiglia piena di birra. Un colpo violento che ha fatto barcollare la vittima.

Poi, qualcuno ha capito quello che stava avvenendo ed ha provveduto ad evitare altre conseguenze. Con fatica, ha allontanato le persone coinvolte. Probabilmente, la ragazza avrà avuto bisogno anche di cure mediche.

Intanto, però, sul posto sono intervenuti i carabinieri. E poco dopo anche una volante del locale commissariato di polizia ha preso informazioni sui fatti.

Gli accertamenti sono tutt’ora in atto. Ma, probabilmente, questo episodio avrà pesanti conseguenze dal punto di vista penale. Non potrebbe essere diversamente.

Esplosioni di violenza

Senza contare che Il Caudino, da tempo, segnala queste esplosioni di violenza tra i più giovani. Le risse prendono il via in via Roma o in Piazza Municipio e poi continuano altrove.

Qualche sera fa, in una sorta di regolamento dei conti, due bande hanno iniziato a picchiarsi in via Dei Monti, lontano da occhi indiscreti, ed hanno continuato dietro il campo sportivo di Rotondi. Si trattava di due gruppi di giovani, uno di Cervinara e l’altro di Montesarchio.

Visto come stanno le cose, non si tratta più solo di un problema di ordine pubblico. E’ un vero e proprio allarme sociale a cui devono rispondere innanzitutto le famiglie.

I protagonisti di queste risse, infatti, hanno tutti una giovane età. Molti di loro ancora non hanno compiuto 18 anni. E’ arrivato il momento di guardare in faccia la realtà e capire cosa fanno questi ragazzi quando escono.

( foto di repertorio)

Temi di questo post