Coldiretti Campania: Protesta latte in tutte le province campane

Coldiretti Campania: Protesta latte in tutte le province campane

11 Novembre 2015

di Redazione

Stamattina protesta degli allevatori con una mobilitazione a Napoli e in tutte le province della Campania contro la grave crisi che sta colpendo la zootecnia italiana. Coldiretti Campania ha allestito nove presìdi davanti ad altrettanti punti vendita della Gdo. Una condizione di sofferenza generata dalle scelte delle multinazionali e delle industrie del settore-lattiero caseario, che continuano ad aumentare l’importazione di latte dall’estero utilizzandolo con marchio italiano per prodotti freschi e lavorati.
Gli allevatori hanno presidiato cinque supermercati della città di Napoli: Carrefour in corso Europa, Conad in via Cilea, Carrefour in corso Vittorio Emanuele, Sigma in via Cilea, Conad in via Arenaccia. Ad Avellino è stato allestito un banchetto informativo al Centro Commerciale Ipercoop in via S. Pescatori. Stessa iniziativa davanti al Conad City di Benevento in via Errico Cocchia, al Carrefour di Caserta in via Cesare Battisti e al Centro Commerciale Maximall Carrefour di Pontecagnano (Salerno).
Ai consumatori – spiega Coldiretti Campania – chiediamo di supportare la richiesta degli allevatori pretendendo di conoscere la provenienza degli alimenti. Costringiamo insieme le multinazionali e le industrie del settore lattiero-caseario a dichiarare nelle etichette l’origine dei prodotti che mangiamo. Sulle tavole delle nostre famiglie e nei prodotti che diamo ai nostri bambini c’è meno sicurezza e “verità”.
Per ogni litro di latte prodotto negli allevamenti delle nostre regioni ce n’è quasi altrettanto straniero, senza nessuna informazione nelle etichette che aiuti il consumatore a fare una scelta consapevole. Caso emblematico è il latte UHT: solo in una busta su quattro venduta nei nostri supermercati c’è latte prodotto in Italia.
Nei prodotti semi-lavorati c’è il caso emblematico delle cagliate per mozzarella. In Campania arrivano dall’estero oltre 300.000 quintali di cagliate, senza che il consumatore lo sappia, per produrre formaggi senza latte (mozzarelle e formaggi a pasta filata).
Scegliere latte italiano significa scegliere una produzione che esprime sicurezza alimentare e qualità. Le nostre stalle sono le più controllate al mondo (in media un controllo a settimana) e offrono latte dalle elevate caratteristiche nutrizionali.

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Attualità Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST coldiretti campnaia Home In evidenza protesta latte valle caudina