Quantcast

Cronaca: famiglia intrappolata da un incendio, padre muore carbonizzato

Cronaca: famiglia intrappolata da un incendio, padre muore carbonizzato.  Paura nel tardo pomeriggio di oggi a Castel Volturno
di redazione
1 mese fa
23 Gennaio 2021

Cronaca: famiglia intrappolata da un incendio, padre muore carbonizzato.  Paura nel tardo pomeriggio di oggi a Castel Volturno. Un incendio è divampato all’interno di un’abitazione in piazza Macchiavelli. All’interno dell’appartamento c’era una famiglia di origine straniera, composta da padre, madre e figlio piccolo.

Questi ultimi sono riusciti a uscire indenni dall’abitazione, mentre il capofamiglia è rimasto all’interno; purtroppo per lui non c’è stato scampo. Stando alla prima ricostruzione l’uomo è morto carbonizzato.Sul posto oltre ai vigili del fuoco e all’ambulanza anche una volante del commissariato di Castel Volturno. Indagini in corso per risalire alla causa del rogo.

Intanto, Cervinara, un’auto ha riportato diversi danni. Fortunatamente, però, non si trovava nessuno all’interno. Il maltempo continua a fare danni. Questa sera, a Cervinara, in via San Marciano, proprio di fronte la chiesa di Gesù Misericordioso, pecci di calcinaccio e cornicione hanno centro un Suv della Opel.

Mister Pasquale Casale

Si tratta dell’auto di mister Pasquale Casale che abita proprio a fianco. Lo stesso Casale ha provveduto ad avvisare la polizia ed i vigili del fuoco. I calcinacci e il pezzo di cornicione sono venuti giù da un fabbricato abbandonato.

Gli agenti del commissariato di polizia di Cervinara hanno provveduto a bloccare il traffico, mentre i caschi rossi hanno provveduto a mettere il fabbricato in sicurezza.

Maltempo: in Campania allerta meteo gialla dalle 6 di domani

Intanto, un nuovo avviso di allerta meteo con criticità idrogeologica di livello giallo, valevole a partire dalle 6 di domani e valido fino alle 23.59, è stato emanato dalla Protezione Civile della Regione Campania.

Si prevedono precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio e temporale, venti forti con possibili raffiche, temporaneamente anche molto forti. Mare agitato o molto agitato con possibili mareggiate lungo le coste esposte ai venti su tutto il litorale.

La Protezione civile individua anche i possibili fenomeni di impatto al suolo legati al rischio di dissesto idrogeologico come ad esempio: Possibili danni alle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso.

Esposte anche alle coperture e al verde pubblico (con caduta di rami o alberi). Possibili allagamenti di locali interrati e di quelli posti al pian terreno; Ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale.

Cronaca: famiglia intrappolata da un incendio, padre muore carbonizzato

Innalzamento dei livelli idrometrici con possibili inondazioni; Scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali, possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree depresse.

Cervinara: cadono pezzi di calcinacci e di cornicione su un suv

Occasionali fenomeni franosi anche per effetto della saturazione dei suoli. “Si raccomanda alle autorità competenti – fa sapere la Protezione civile – di porre in essere tutte le misure atte a prevenire, mitigare e contrastare i fenomeni previsti.

Sia in odine al rischio idrogeologico che in ordine ai venti forti o molto forti e al moto ondoso che potrebbe determinare mareggiate, anche in linea con i Piani comunali di protezione civile. Si segnala la necessità di attivare il monitoraggio del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazione dei venti e del mare.

Temi di questo post