Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Disastro immane nella zona Asi, nube nera e pioggia di cenere nei centri abitati

Pubblicato il 16 Settembre 2021 - 16:54

Disastro immane nella zona Asi, nube nera e pioggia di cenere nei centri abitati

Disastro immane nella zona Asi, nube nera e pioggia di cenere nei centri abitati. E’ una situazione drammatica quella originata dopo l’incendio di materiale plastico che si è sviluppato nell’area industriale di Carinaro-Teverola in una fabbrica  che produce ricambi per auto.

Densa nube nera

Il materiale in fiamme ha provocato una densa nube nera; sul posto le forze dell’ordine e i vigili del fuoco di Caserta con varie squadre, tra cui una proveniente da Napoli.

Non ci sarebbero feriti. La colonna di fumo è arrivata anche a Napoli: numerose le segnalazioni giunte ai vigili dal Corso Vittorio Emanuele e dalla zona collinare.

Testimoni riferiscono di aver sentito anche un’esplosione in contemporanea all’arrivo dei vigili del fuoco: lo scoppio sarebbe stato originato dal corto circuito di una cabina elettrica, individuata come possibile causa del disastro. Durante l’intervento gli stessi pompieri si stavano adoperando per staccare l’energia proprio per evitare pericoli ulteriori.

L’allarme del sindaco 

“Sta andando a fuoco un complesso industriale nella zona tra Teverola e Gricignano d’Aversa. La situazione è definita molto grave: sta bruciando carta e plastica, le fiamme sono alte e i soccorritori hanno difficoltà anche ad avvicinarsi.  

Una grande nuvola di fumo nero si è levata, anche il cielo di Marcianise è in gran parte oscurato. Le fiamme e il fumo sono visibili a distanza di diversi chilometri.” ha fatto sapere il sindaco di Marcianise Antonello Velardi. 

” Sul posto ci sono i vigili del fuoco del comando provinciale di Caserta e dei distaccamenti di Marcianise e Aversa. Stanno arrivando ulteriori rinforzi anche da Piedimonte Matese. Nulla si sa al momento sulla presenza umana all’interno della fabbrica in fiamme. 

Ennesimo disastro ambientale  

 soccorritori hanno difficoltà ad avere un quadro preciso della situazione. È l’ennesimo disastro ambientale. È l’ennesima dimostrazione di come i veleni non si possono fermare con le mani: l’area a nord di Napoli e a sud di Caserta è ormai l’area della morte.”

L’amministrazione comunale di Carinaro ha invitato dal canto suo la popolazione a restare in casa ed a spegnere l’aria condizionata per evitare di respirare sostanze nocive.

Continua la lettura