Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Giovane uomo muore dissanguato sotto gli occhi del padre

Pubblicato il 20 Gennaio 2022 - 8:55

Giovane uomo muore dissanguato sotto gli occhi del padre

Giovane uomo muore dissanguato sotto gli occhi del padre. Tragedia nella mattinata di oggi,  nei boschi tra Castell’Azzara e Piancastagnaio (Grosseto), in Maremma.

Un uomo di 36 anni è morto durante una battuta di caccia dopo essere stato caricato e travolto da un cinghiale. La vittima si chiamava Giulio Burattini.

Stando alle ricostruzioni, il cacciatore avrebbe sparato all’animale che gli si era parato davanti. Il cinghiale è caduto a terra come se il proiettile lo avesse colpito.

A quel punto, Burattini si sarebbe voltato ed è stato in quel momento che l’ungulato si è rialzato e lo ha caricato mortalmente recidendogli l’arteria femorale della gamba destra.

Ferite troppo profonde, cacciatore morto sul posto

Erano circa le 12.35 quando il 118 dell’Asl Toscana sud est è intervenuto nei boschi dell’Amiata, nei pressi della Sp 66; si è alzato in volo anche l’elisoccorso Pegaso da Grosseto: purtroppo per il 36enne non c’è stato nulla da fare.

Il  36enne è morto sul posto, dissanguato. Le ferite erano troppo profonde. Sul posto, oltre ai sanitari del 118, il Soccorso alpino e speleologico toscano e i Carabinieri. Tra i compagni di caccia anche il padre della vittima che ha avuto un malore.

Avvertita Procura di Grosseto

Dell’incidente di caccia è stata avvertita anche la Procura di Grosseto. Il pm Giampaolo Melchionna ha però deciso di non effettuare l’autopsia sul corpo del 36enne perché si è trattato di un incidente provocato da un animale selvatico e non ci sono risvolti penali. Giulio Burattini era di Castell’Azzara (Grosseto). (fanpage.it)

Continua la lettura