Logo

Mezzogiorno: addio agli incentivi

14 Novembre 2014

Mezzogiorno: addio agli incentivi

In base ad elaborazioni SVIMEZ su dati del Ministero dello Sviluppo Economico, dai primi anni Duemila a oggi le agevolazioni concesse all’industria del Mezzogiorno sono crollate dell’80,5%, passando dai  6,4 miliardi di euro annui del triennio 2001-2003 agli 1,2 del  triennio 2010-2012, mentre al Centro-Nord la flessione nel periodo è stata del -24,3%.
E’ quanto emerge dallo studio “Una politica industriale per il  riposizionamento competitivo e lo sviluppo del Sud. Obiettivi e  strumenti” di Riccardo Padovani, Grazia Servidio e Luca Cappellani,  pubblicato sulla Rivista Economica del Mezzogiorno, trimestrale  dell’Associazione edita da Il Mulino.
Secondo la SVIMEZ, tra le varie proposte per uscire dalla recessione e  tornare a crescere è necessaria una nuova politica industriale  specifica per il Sud, corsie preferenziali per accedere al credito all’export e a fondi di private equity, e misure aggiuntive per i contratti di rete. Per favorire l’attrazione di investimenti esterni  all’area, nazionali ed esteri, occorrerebbe poter contare su forme di fiscalità di vantaggio.