Montagna, asset per lo sviluppo della Valle

Montagna, asset per lo sviluppo della Valle

24 Marzo 2014

di Il Caudino

L’errore più grossolano che si possa fare è ridurre tutto alle vicende degli operai forestali. La loro condizione è drammatica e deve essere risolta con tempestività. Su questo non si discute ma, proprio in giorni come questi, con la pioggia che porta a valle fango e terriccio, si capisce quanto sia necessario che la montagna torni al primo posto nell’agenda politica delle zone interne. Il primo tentativo è stato fatto ieri a San Martino Valle Caudina dove c’é stata una riunione che ha messo intorno ad un tavolo gli stati generali della montagna campana.  L’iniaziva è stata organizzata dal consigliere delegato alle politiche montane e componente dell’assemblea della comunità montana Partenio-Vallo Lauro, Franco Capuano. Insieme a lui hanno discusso Domenico Biancardi, sindaco di Avella e presidente della Comunità montana Partenio-Vallo Lauro, Enzo Luciano,vice presidente dell’Uncem campana e delegato alla forestazione, Donato Cufari presidente Uncem, Lello De Stefano presidente dell’Alto Calore servizi e Pietro Foglia, presidente della commissione agricoltura del consiglio regionale della Campania. È venuta fuori una disamina spietata che denuncia l’abbandono progressivo della montagna. Le comunità montane sono finite nell’occhio del ciclone per gli sperperi della politica. I parchi regionali, invece, non sono mai decollati. Con la conseguenza che il territorio è abbandonato, solo ed inerme. L’unica speranza è la trasformazione della comunità in unione dei comuni montani. A questo tende il disegno di legge Foglia-Pica. Ma il tempo perso non sarà mai recuperato e si è fatto un passo indietro di diversi decenni.

Peppino Vaccariello

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Attualità Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST francesco capuano Home montagna valle caudina