Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Parrucchiere apre salone, arriva la polizia e si barrica con le clienti

Pubblicato il 12 Marzo 2021 - 13:57

Parrucchiere apre salone, arriva la polizia e si barrica con le clienti

Parrucchiere apre salone, arriva la polizia e si barrica con le clienti. Aveva provato ad aggirare le norme della zona rossa aprendo seppur a saracinesche abbassate. I poliziotti però lo hanno scoperto e costretto a cedere dopo una lunga trattativa. Tensione questa mattina in viale Europa ad Aversa

Barricato nel suo salone

Come riferisce “La Rampa” un parrucchiere si è barricato all’interno del suo salone con le clienti provando ad evitare il controllo degli agenti del locale commissariato giunti sul posto dopo una segnalazione.

Alla fine è stato costretto a far entrare gli agenti che hanno accertato l’infrazione: il salone, benchè ufficialmente chiuso, era pienamente in attività. Sono scattate le sanzioni sia per il parrucchiere che per i clienti.

Novità sulla morte della prof e del bidello dopo vaccino

Annamaria Mantile, l’insegnante di inglese di 62 anni deceduta il 2 marzo, e Vincenzo Russo, il bidello di 58 anni morto il 10 marzo, erano entrambi vaccinati con AstraZeneca.

Solo che le dosi a loro somministrate non provenivano dal lotto ABV2856, ovvero quello ritirato in tutta Italia e su cui sono in corso accertamenti. Quindi l’allarmismo diffuso si basa su mancanza di conoscenza.

Le dosi del lotto ritirato sono, infatti, utilizzate in alcuni giorni del mese di febbraio, mentre i due erano stati vaccinati con la prima dose rispettivamente alla fine di febbraio e agli inizi di marzo, quando si era già passati ai lotti successivi.

L’Unità di Crisi della Regione Campania ha fatto sapere che non sono state registrate reazioni avverse nelle persone a cui è stato somministrato un vaccino proveniente da quel lotto, ma che comunque è in corso il monitoraggio.

Prof morta a Napoli, l’autopsia: stroncata da infarto intestinale

Annamaria Mantile era vaccinata nel centro della Mostra d’Oltremare il 27 febbraio. Un paio d’ore dopo aveva cominciato a stare male, accusava spossamento, nausea e dolori addominali. È deceduta il 2 marzo.

I familiari hanno presentato denuncia ai carabinieri, ipotizzando che ci potesse essere un nesso con la vaccinazione avvenuta tre giorni prima del decesso. È avviata una inchiesta e sul corpo della donna è effettuata l’autopsia.

I risultati soo depositati entro i prossimi 60 giorni, ma l’esito iniziale della visita ha escluso una correlazione. La prof, secondo i medici, non sarebbe morta per una reazione avversa, ma per un infarto intestinale dovuto a una occlusione non riconosciuta, non collegabile quindi alla somministrazione del farmaco.

Bidello morto ad Afragola, salma sequestrata

Vincenzo Russo, residente ad Afragola, era dipendente di una scuola di Casalnuovo, in provincia di Napoli. Era vaccinato nel centro della Mostra d’Oltremare lunedì scorso, 8 marzo. Poche ore dopo era stato male.

Soprattutto per dolori intestinali, ed era ricoverato nella clinica Villa dei Fiori ad Acerra, dove è rimasto fino al decesso, il 10 marzo. L’uomo soffriva di problemi cardiovascolari, in passato aveva avuto anche una trombosi venosa.

I familiari hanno sporto denuncia, la salma è sequestrata e verrà nei prossimi giorni sottoposta all’autopsia per accertare se esiste un nesso con la vaccinazione, relazione per la quale al momento  non sono emersi riscontri.

Continua la lettura