Quantcast
Politica

Patenti false e marche cinesi, 4 avvocati coinvolti

di  Redazione  -  20 Maggio 2020

Patenti false e marche  cinesi, 4 avvocati coinvolti.Vendevano patenti false, di guida tra 3mila e 3mila e 500 euro. Non solo, anche quelle nautiche a 2mila euro. In questo modo  millantavano  delle aderenze presso la Motorizzazione di Roma/Laurentina. Lo hanno scoperto i carabinieri del Comando Antisofisticazione Monetaria di Roma.

Carabinieri e Procura

I carabinieri, coordinati dalla Procura di Napoli Nord, hanno notificato nei confronti di 12 persone 4 arresti domiciliari, 4 obblighi di dimora con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e 4 divieti di esercizio dell’attività professionale da sei mesi a un anno.

La banda di falsificatori operava tra Giugliano in Campania (Napoli), Casal di Principe (Caserta) e San Giorgio a Cremano (Napoli). Agli esaminandi veniva detto che i loro esami teorici sarebbero stati sostenuti e superati da altre persone mentre per la prova pratica, organizzata “ad hoc” nei pressi della Motorizzazione di Roma, sarebbe stata garantita grazie a un ingegnere connivente.

4 avvocati

Tra gli indagati anche 4 avvocati che utilizzano le marche i cui supporti, da personalizzare con gli importi, provenivano dalla Cina.

Naturalmente, le patenti false saranno tutte revocate ed ora chi ha usufruito dovrà risponderne legalmente, A quanto pare, infatti, il numero dei clienti era veramente numeroso. Molto appetibili anche le patenti nautiche.

Sullo sfondo anche di questa inchiesta il ruolo di quattro avvocati. Ancora una volta, questa categoria professionale campana viene coinvolta in qualcosa di illecito ed illegale. Ci sono molte inchieste, in questi ultime settimane, che hanno coinvolto avvocati.

Per tutti vige il principio di innocenza, ci mancherebbe altro. Ma gli ordini provinciali devono iniziare a prendere dei seri provvedimenti di natura preventiva, rispetto a chi viene coinvolto in queste storie poco chiare.