Quantcast

Valle Caudina: 1.021 nuovi positivi e 37 decessi in Campania

Valle Caudina: 1.021 nuovi positivi e 37 decessi in Campania. Sono 1.021 i nuovi casi di Covid 19 in Campania nelle ultime 24 ore, di cui 934 asintomatici e 87 sintomatici, su 9.690 tamponi
di redazione
5 giorni fa
11 Gennaio 2021

Valle Caudina: 1.021 nuovi positivi e 37 decessi in Campania. Sono 1.021 i nuovi casi di Covid 19 in Campania nelle ultime 24 ore, di cui 934 asintomatici e 87 sintomatici, su 9.690 tamponi. Il dato è dell’ Unità di crisi della Regione e porta il totale positivi a 200.792, su un totale tamponi pari a 2.157.456.

I decessi sono 37, 12 nelle ultime 48 ore e 25 in precedenza ma registrati ieri, e portano il totale dall’inizio della pandemia a 3.165. I guariti sono 1.655, per un totale di 122.910. Dei 656 posti letto di terapia intensiva, ne sono occupati 109; dei 3.160 posti letto di degenza, compresi quelli dei privati, ne sono occupati 1.400.

Terza ondata

Intanto arriva forte l’allarme del presidente del consiglio per una terza ondata. “Sta arrivando un’impennata di contagi”, il premier Conte teme la terza ondata. Sta arrivando un’impennata “dei contagi” dopo Gran Bretagna, Irlanda, Germania sta arrivando anche da noi.

Non sarà facile, dobbiamo fare ancora dei sacrifici”. Lo dice il premier Giuseppe Conte al Tg3 parlando del Covid. Il governo intanto ha incontrato le Regioni in vista delle nuove misure.

L’esecutivo  conferma di voler introdurre nel Dpcm il divieto per i bar di vendere cibi e bevande da asporto dopo le 18. La scelta sarebbe stata ribadita nel corso della riunione con le regioni nel quale sono state illustrate anche le altre misure.

Conferma per tutte le zone della regola che consente a massimo due persone di andare a trovare a casa parenti e amici, stop alla mobilità tra le regioni, anche tra quelle gialle, istituzione di una zona bianca, per “dare un segnale” del lavoro che si sta facendo e che consentirà di entrare in una fase  diversa in tempi, però, più lunghi.

Senza le misure restrittive introdotte per le vacanze di Natale “avremmo altri numeri”, avrebbe sottolineato il ministro  Speranza nel corso delle riunione con le Regioni. Speranza ha invitato a guardare cosa sta succedendo nel resto d’Europa, dove c’è “una situazione complessa”.

Oggi la Campania è entrata in zona gialla. Questa mattina, i bmbi delle scuole materne e delle prime due classi delle elementari sono tornati a fare lezioni in presenza. Al momento, il rientro a scuola è previsto a tappe. Lunedì prossimo, 18 gennaio dovrebbero tornare tutte le elementari e buona parte delle medie. Il lunesì successivo, invece, 25 gennaio dovrebbe toccare al cinquanta per cento delle supesuperiori.

Temi di questo post