Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Valle Caudina: anche questo primo maggio il lavoro può attendere

Pubblicato il 29 Aprile 2019 - 18:40

Valle Caudina: anche questo primo maggio il lavoro può attendere

Che cosa è il lavoro in Valle Caudina nel 2019?  Al tempo di reddito di cittadinanza ? Basta guardarsi intorno a noi e fare qualche semplice domanda.
Ad esempio, basterebbe chiederlo al ragazzo del bar che ci fa il caffè ogni mattina.
Non ci fa mancare mai un sorriso insieme alla tazzina eppure riesce a racimolare massimo 400 euro al mese lavorando minimo otto ore al giorno, sette giorni su sette, perchè il giorno di chiusura oramai è stato abolito. Naturalmente nessuno gli versa i contributi e non ha alcun tipo di assicurazione. Oppure si potrebbe chiedere al cameriere della pizzeria che lavora solo i fine settimana per 30 o massimo 40 euro a sera, anche per lui nessun contributo.
Magari alla ragazza che, una o più volte a settimana, si viene a spaccare la schiena a casa nostra per sei/sette euro l’ora, e noi lo sappiamo bene, benissimo, di non versare per lei alcun contributo.
Ancora, visto che siamo in primavera inoltrata ed iniziano i lavori di manutenzione della nostre abitazioni, al manovale dell’imbianchino o a quello che presta i suoi servizi presso qualche azienda edile.

E, vogliamo parlare di agricoltura?

Di quelle donne che ogni mattina intorno alle 3 e mezza si recano nelle serre del salernitano e tornano a pomeriggio inoltrato. Anche loro si spaccano la schiena per poche decine di euro in cambio, almeno questo, riescono ad avere uno straccio di copertura assicurativa. Insomma, bastano poche domande e girare un poco gli occhi intorno per capire che il lavoro o è in nero o non è.

E i sindacati?

E’ un andazzo che mai nessuno ha voluto affrontare veramente, a cominciare dai sindacati passando poi per i partiti politici o per i rappresentanti delle istituzioni. I sindacati si occupano solo di coloro che hanno i diritti acquisiti: gli altri non esistono.

I partiti pensano ad altro,  avete mai sentito un parlamentare  denunciare il lavoro nero che si consuma anche sotto i suoi occhi? Dopodomani è il primo maggio, festa dei lavoratori, bisognerebbe parlare di questi temi e farlo seriamente.
Ma, anche se non ci sarà  il sole, meglio andare a fare una scampagnata con fave, pancetta, pecorino ed un buon bicchiere di vino. Il lavoro può attendere.

Continua la lettura