Valle Caudina: bambini e ragazzi alle prese con tosse, mal di gola e raffreddore

18 Ottobre 2019

Valle Caudina: bambini e ragazzi alle prese con tosse, mal di gola e raffreddore

Valle Caudina. Abbiamo un totale di mezzo milione di under 18, dei quali 200 mila con meno di 6 anni, con infezione delle vie aeree superiori. Una situazione analoga a quella rilevata negli ultimi anni il 25-26 settembre. La spiegazione di questo fenomeno è semplice: quest’anno abbiamo avuto un clima particolarmente mite in autunno, anzi uno scampolo di estate, pertanto c’è stata meno possibilità di contagio negli ambienti chiusi». Mezzo milione di bambini e adolescenti italiani sono quindi alle prese con tosse, mal di gola e raffreddore secondo quanto risulta a Italo Farnetani, docente della Libera università degli Studi di scienze umane e tecnologiche di Malta.

«In base ai dati che ho elaborato, attualmente abbiamo una situazione di morbilità simile a quella che negli ultimi 5 anni abbiamo rilevato alla fine del mese di settembre, cioè 10 giorni dopo l’apertura delle scuole. Insomma, quest’anno la prima epidemia di raffreddore dopo la ripresa delle lezioni è arrivata in ritardo, complice il clima mite del mese di ottobre». Ha detto Farnetani, che sottolinea all’AdnKronos Salute come «si tratti di malanni fastidiosi, ma comunque ben diversi dall’influenza stagionale».

------------

Gli agenti infettivi che circolano di più, continua il pediatra, «sono quelli tipici del mese di ottobre, in cui il virus parainfluenzale è più diffuso rispetto a tutti gli altri periodi dell’anno.

Ricordo – aggiunge Farnetani – che il virus parainfluenzale è quello che ho definito il virus della tosse, particolarmente fastidiosa per i più piccini. Altri microrganismi presenti in questo periodo sono poi gli enterovirus, più diffusi nel corso dell’anno nei mesi di agosto, settembre e ottobre».

Quelli che provocano diarreavomito mal di pancia. Ma cosa accadrà nelle prossime settimane? «È facilmente prevedibile che l’incremento delle infezioni respiratorie avverrà tra la fine di ottobre e i primi di novembre – dice l’esperto – complice sia un prevedibile abbassamento delle temperature, sia la minor possibilità di stare all’aria aperta con l’introduzione dell’ora solare che – sottolinea il pediatra – accorcia le giornate. Ricordiamo inoltre – conclude Farnetani – che il cambiamento di orario, cioè il passaggio dall’ora legale all’ora solare, crea uno stress per l’organismo, cosa che a sua volta facilita le infezioni».Venerdì 18 Ottobre 2019, 12:39 – Ultimo aggiornamento: 18-10-2019 13:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua la lettura