Attualità

Valle Caudina, il mistero della fede nei riti della Settimana Santa

di  Redazione  -  22 Aprile 2019

E’ una sorta di mistero, come quelli che si celebrano nella settimana santa appena conclusa. Tanti avventimenti, come quelli celebrati in Valle Caudina. La Via Crucis Vivente, l’incontro tra la Madonna addolorata e il Cristo Morto, la visita ai Sepolcri, ad esempio.

I rituali pasquali che si svolgono nel nostro paese, soprattutto quelli del Sud Italia, grazie ad intenet ed ai vari social, vengono seguiti da milioni di persone in tutto il mondo.

Riti
Ad esempio, gli Incappucciati di Sorrento: sfilano come ombre nella notte profumata della Costiera. Lo scoppio del carro di Firenze che incendia il duomo più bello del mondo come una santabarbara.
Senza dimenticare i Perdoni di Taranto, con i penitenti scalzi che avanzano dondolandosi nel labirinto della città vecchia. Ancora, i Misteri di Procida, che fanno calare sull’isola un velo di luttuosa solennità.
Oppure il drammatico Iscravamentu (Deposizione) di Alghero, con la statua snodabile del Redentore che il Venerdì Santo viene staccato dalla croce e portato in processione dalle Confrarías, le confraternite di incappucciati venute da tutta la Sardegna e anche dalla Catalogna.

Sicilia
Fino al Vasa vasa di Modica – che ha ispirato il soprannome dell’ ex presidente della Regione siciliana Totò Cuffaro – dove la domenica di Pasqua la statua della Madonna incontra quella del Figlio risorto per la tradizionale vasata, il bacio di giubilo che trasforma il rito in festa.
Sono migliaia i siti e soprattutto le pagine dei aocial che hanno diffuso queste pagine in tutto il mondo, procurando un interesse crescente da parte dei navigatori della rete. Un vero e proprio fenomeno di massa che ha destato l’attenzione di studiosi, sociologi ed esperti di internet, che danno svariate spiegazioni. Alla fine, però, è il mistero della fede che non si può affatto spiegare che arriva prepotente nei giorni della settimana santa.