Valle Caudina, la via crucis dei semafori

Valle Caudina, la via crucis dei semafori

21 Settembre 2014

di Redazione

Diciotto chilometri, quattordici semafori: un semaforo ogni chilometro e duecento metri. Di che stiamo parlando? Di un gioco? Affatto. E’ il percorso che conduce da Paolisi a Maddaloni. Più che una strada, una vera e propria Via Crucis, che conta le medesime stazioni. Non ci sono parole per descrivere cosa significhi raggiungere Napoli o Caserta attraverso questo percorso.  E’ una prova per i nervi, una strada di soli diciotto chilometri che, quando va bene, ha bisogno di almeno quaranta minuti per essere percorsa.  Si dirà: ma attraversa centri abitati. Vero. Siamo sicuri, però, che tutti questi “stop&go” siano necessari?  Di solito quando si parla di trasporti in Valle Caudina si accusa sempre la Ferrovia, la famigerata Benevento Napoli, di essere di una lentezza esasperante. Provate a mettervi nei panni degli automobilisti che la mattina e la sera partono e rientrano percorrendo lo snodo che attraversa le province di Benevento e Caserta: una situazione assurda. A chi bisogna rivolgersi per coordinare gli interventi sul traffico? E’ possibile che i Prefetti delle due province non si rendano conto del “cul de sac” che quattordici (14!) semafori provocano? In attesa, piccolo suggerimento per chi guida: attrezzarsi con coroncine del Rosario, giaculatorie sui martiri e quantità di Maalox a livello industriale.

Antonio Marro

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Attualità Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST arpaia code ai semafori forchia Home home valle caudina Maddaloni Santa Maria a Vico semafori via Crucis