Valle Caudina: minaccia di bruciare il comune, venerdì l’interrogatorio di garanzia

Redazione
Valle Caudina: minaccia di bruciare il comune, venerdì l’interrogatorio di garanzia
Valle Caudina: cassiera accusata di furto, assolta perchè il fatto non sussiste

Si terrà venerdì 9 maggio l’ interrogatorio di garanzia a carico di Vincenzo D’ Onofrio, alias O’ Mangiavatt, noto pregiudicato, 55 anni di Arpaia, difeso di fiducia dall’ avvocato Vittorio Fucci, dinanzi al Gip del Tribunale di Benevento Dott.ssa Gelsomina Palmieri.

Divieto di dimora

Il D’ Onofrio è stato sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora, nell’ ambito di un‘ indagine, non ancora conclusa, su estorsioni, minacce e violenza a pubblico ufficiale. Nell’ ambito dell’ indagine risulta, tra le altre contestazioni, quella secondo cui il D’ Onofrio avrebbe intimato al segretario comunale del Comune di Arpaia di reintegrarlo nelle sue funzioni di custode del cimitero, nonostante una condanna definitiva a suo carico che gli impediva di essere reintegrato, avanzando diverse minacce, tra cui quella di incendiare il Comune qualora non avessero fatto così come chiedeva.

Estorsione a un imprenditore

Tra gli altri episodi, inoltre, viene in risalto l’ estorsione ad un imprenditore assegnatario di un appalto comunale nel Comune di Arpaia, mediante la quale avrebbe ottenuto l’ assunzione di un suo coniuge. Nell’ interrogatroio di garanzia quindi il D’ Onofrio attraverso il suo legale, l’ avvocato Vittorio Fucci, avrà modo di iniziare ad avanzare la sua tesi difensiva rispetto a queste gravi contestazioni, nell’ ambito di un’ indagine peraltro non conclusa.