Attualità

Airola: presentato il bilancio sociale all’Istituto Vanvitelli

di  Redazione  -  18 Luglio 2019

Airola. Nei giorni scorsi, durante una conferenza stampa, è stato presentato il bilancio Sociale dell’Istituto Comprensivo Vanvitelli, diretto dal preside Giovanni Marro.

A moderare i lavori è stato l’esperto esterno Saverio Russo che subito ha dato la parola al dirigente scolastico che ha ripercorso, con acume ed intelligenza, le tappe che hanno portato a stilare il Bilancio Sociale della scuola da lui diretta. In particolare, si è parlato della terza annualità del programma Scuola Viva, la mia scuola a regola d’arte.

I cinque moduli attivati, hanno visto coinvolti i ragazzi, duecento alunni, di tutti e tre i plessi in cui si sviluppa la scuola: quello di Airola, di Paolisi e di Arpaia. Sono state impiegate 240 ore di lezione in orario extrascolastico, coinvolti otto esperti esterni, sette tutor interni; due figure di sistema e la segreteria.

Il progetto è costato 55mila euro con fondi Regionali del programma Scuola Viva, quindi più facilmente gestibili.

Da sottolineare, tra gli altri, due eventi come la giornata della Legalità e la giornata del Merito: nella prima è stata ricordata la Strage di Capaci con un incontro sul tema Gli Angeli della Legalità con la presenza del tenente Emanuele Schifani, figlio di Vito, agente di scorta del giudice Falcone, perito nella strage; nella seconda la scuola ha riconosciuto il valore formativo ed educativo agli alunni più meritevoli con attestati e riconoscimenti.

L’obiettivo, ha detto il dirigente scolastico, della rendicontazione sociale è quello di promuovere le attività nel contesto territoriale. Attraverso l’analisi dei risultati, la Scuola rivede il suo operato e individua criticità e potenziamento.

Alla conferenza di presentazione del Bilancio Sociale erano presenti l’assessore di Arpaia Lucio Martino, il presidente della Proloco di Airola, che è stata anche partner del progetto, e Giuseppe Maltese, consigliere di minoranza al comune di Airola. Si sono notate le assenze dei sindaci di Airola e di Paolisi.