Quantcast

Attenti alle truffe delle scarpe griffate

di redazione
1 settimana fa
23 Febbraio 2021

Attenti alle truffe delle scarpe griffate. I Carabinieri della Stazione di Baiano hanno denunciato un 50enne di Bari. L’uomo deve rispondere del reato di  di Truffa.

L’indagine prende spunto dalla denuncia sporta da un giovane del luogo. Il ragazzo cercavaun buon affare.

Scarpe griffate

E veniva attratto da un annuncio per la vendita di un paio di scarpe di una nota griffe di moda, pubblicato su un sito online. Il giovane trova il prezzo conveniente. Così  non esitava a contattare l’inserzionista sia per avere maggiori chiarimenti sul prodotto sia per ridurre al minimo il suo dubbio che potesse trattarsi di una truffa.

Il giovane otteneva  dettagliate spiegazioni che conquistavano la sua  fiducia. A questo punto, il ragazzo non esita  ad effettuare il pagamento di 200 euro mediante ricarica su carta prepagata.

Ma, ricevuta la somma pattuita, il fittizio venditore ometteva la consegna di quanto acquistato e si rendeva irreperibile sui contatti forniti.

Le indagini condotte dai Carabinieri hanno consentito di risalire all’identità del presunto responsabile che, alla luce delle evidenze emerse, è stato deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria.

Purtroppo, nonostante, gli avvisi tante persone continuano a cadere nella rete di questi truffatori

Furto d’acqua

I militari della Stazione di Atripalda hanno deferito all’Autorità Giudiziaria un 60enne ritenuto responsabile di furto aggravato.

Lo stesso, residente in un complesso di edilizia popolare della città del Sabato, aveva trovato il modo per “risparmiare” sulla bolletta dell’acqua.

Il sopralluogo eseguito con l’ausilio di personale specializzato della società fornitrice del servizio idrico, ha permesso di individuare il punto ove era stato artatamente effettuato l’allaccio abusivo

L’allaccio serviva a collegare l’impianto domestico direttamente alla rete pubblica dell’acqua potabile. Così, il 60enne eludeva il pagamento delle bollette. Del resto, non aveva sottoscritto alcun contratto.

In considerazione delle evidenze emerse, per il 60enne è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Temi di questo post