Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Bimba di tre anni muore all’improvviso

Pubblicato il 6 Dicembre 2021 - 9:50

Bimba di tre anni muore all’improvviso

Bimba di tre anni muore all’improvviso. Una tragedia improvvisa ha scosso la comunità di San Cipriano d’Aversa. Una bimba di appena 3 anni, Raffaella ., è deceduta nel primo pomeriggio di ieri  all’ospedale Santobono di Napoli.

Problema di salute

Un dramma improvviso che ha gettato la città nel dolore più cupo. Stando a quanto emerso la piccola fino a ieri  mattina stava giocando e si è sentita male nel corso della giornata. Nelle scorse settimane aveva accusato un problema di salute che però sembrava risolto.

Ieri  mattina invece la situazione è precipitata: i familiari hanno chiamato un’ambulanza che l’ha trasportata al Santobono di Napoli dove è spirata poco prima delle 15. La notizia ha gelato la comunità che si è stretta attorno alla famiglia.

I funerali dovrebbero essere celebrati nella giornata di domani: in città intanto è partita una gara di solidarietà per trovare posto nel cimitero di San Cipriano alla piccola, consentendo così alla famiglia di poterle rendere omaggio nella sua città, ferita da questa tragedia.

200 persone in un locale, scatta la chiusura. Le varie Prefetture, nel corso della settimana scorsa, hanno fatto più riunioni con i massimi vertici delle forze dell’ordine provinciali. Oramai è chiaro che è scattata la tolleranza zero verso chi non rispetta le norme anticovid. E, nel corso di questo fine settimana, sono arrivati anche i primi provvedimenti.

Chiusura di un locale

Altro che regole anti-contagio e norme per evitare gli assembramenti. E’ scattata la chiusura per un locale di via Funara a San Prisco.

Nella serata di ieri poliziotti del Commissariato di Santa Maria Capua Vetere hanno sorpreso all’interno del bar circa 200 persone a bere drink ed ascoltare musica. Molti clienti, soprattutto giovanissimi, sono scappati alla vista degli agenti.

Al titolare è stata comminata una sanzione da 400 euro oltre alla chiusura per 5 giorni dell’attività per aver violato le norme antiCovid. I poliziotti non sono riusciti a controllare il Green-Pass dei presenti dato l’elevato numero di clienti ma è stato comunque riscontrato un assembramento non in linea con le misure prese per fronteggiare la pandemia.

Con l’avvicinarsi delle festività natalizie, i controlli verranno intensificati e nessuno potrà più fare il furbo e mettere in pericolo, con il loro comportamento, le persone che cercano di rispettare sempre le regole.

Continua la lettura