Cade dalla barella e muore, indagati due volontari della Misericordia

Cade dalla barella e muore, indagati due volontari della Misericordia

1 Luglio 2021

di Redazione

Cade dalla barella e muore, indagati due volontari della Misericordia. Cade dalla barella. Batte la testa e muore. Vittima un’anziana di 89 anni e la tragedia ha avuto luogo a Volturara Irpina tre giorni fa. Su questo decesso la Procura della Repubblica di Avellino ha aperto un’inchiesta.

Omicidio colposo

Risultano indagati per il reato di omicidio colposo due volontari dalla Confraternita Misericordia. L’89enne doveva essere trasportata dalla sua abitazione alla casa di cura assistita Villa Clementina.

Cade dalla barella e muore, indagati due volontari della Misericordia

I volontari hanno sistemato l’anziana sulla barella. Purtroppo mentre scendevano le scale dall’abitazione, l’anziana è caduta. Cadendo ha battuta la testa proprio contro la barra di ferro della barella ed è morta.

La Procura intende fare chiarezza di questo incidente. Doveva essere un intervento di ruotine che, invece. si è trasformato in una vera e propria tragedia.

L’ufficio inquirente ha disposto l’autopsia sulla salma dell’89enne. I due volontari della Confraternita Misericordia hanno la possibilità di nomina tecnici di loro fiducia. Si spiega anche così l’iscrizione nel registro degli indagati. I volontari hanno entrambi 23 anni e sono certi di aver agito con la massima professionalità.

Cervinara: appello di Chi l’ha visto per la scomparsa di Antonio

Arriva anche l’appello di Chi l’ha visto per la scomparsa di Antonio Moscatiello. Poco fa, Federica Sciarelli ha fatto vedere la foto del cervinarese scomparso sabato scorso. Ed ha invitato i telespettatori a telefonare se avessero incontrato il 58enne.

Ipotesi allontanamento

Anche se abbastanza labile, resta in piedi l’ipotesi che Antonio possa essersi allontanato da Cervinara. In questo caso, il passaggio a Chi l’ha visto potrebbe rivelarsi cruciale.

Cervinara: Antonio Moscatiello avvistato domenica pomeriggio

La novità di questa sera arriva da un testimone che asserisce di aver incontrato Antonio Moscatiello domenica pomeriggio. L’ultimo avvistamento risale a domenica a mezzogiorno. Anche questo testimone si dichiara certo di averlo incontrato lungo la strada che conduce in montagna.

Secondo giorno di ricerca

Questa persona, nel tardo pomeriggio, si è recato presso la sede della Protezione Civile di Cervinara che si trova in via San Cosma.  La sede funge da base per le ricerche,. Anche le sorelle di Antonio cercano di essere di aiuto.

Intanto, però, anche il secondo giorno di ricerche è passato. I vigili del fuoco hanno scandagliato diverse zone montane ed anche i pozzi, ma non c’è alcuna traccia di Antonio. Purtroppo le ricerche vere e proprie hanno preso il via solo nella mattinata di ieri. Probabilmente si poteva fare prima.

L’ipotesi che possa aver lasciato il paese sembra alquanto inverosimile. Antonio non ha un’auto, si muove a piedi, coprendo anche lunghi tratti. Qualcuno gli avrebbe dovuto dargli un passaggio, gli stessi familiari scartano questa ipotesi.

Nel tardo pomeriggio, le sorelle hanno chiesto ai proprietari del Bar Rosticceria La Gola di poter visionare le telecamere interne. Ed hanno scoperto che venerdì mattina ha preso un caffè nel locale. Ma sabato e domenica non è presentato al bar.

Proprio per questo le sorelle chiedono di poter visionare le immagini delle telecamere di sicurezza del comune. Da quelle immagini, sperano di poter ricostruire la strada che può aver fatto.

Un malore o cosa altro ?

Sembra certo che nella tarda mattinata di domenica e nel pomeriggio ha fatto diverse volte il sali e scendi dalla montagna. Un vagare, probabilmente, senza meta. Non si può escludere che possa aver accusato un malore perché camminava in ore torride.

Si tratta solo di un’ipotesi, la cosa certa è che il 58enne sembra essere svanito nel nulla. E questa sarà l’ennesima notte di angoscia per i familiari.

La novità di questa sera arriva da un testimone che asserisce di aver incontrato Antonio Moscatiello domenica pomeriggio. L’ultimo avvistamento risale a domenica a mezzogiorno. Anche questo testimone si dichiara certo di averlo incontrato lungo la strada che conduce in montagna.

Secondo giorno di ricerca

Questa persona, nel tardo pomeriggio, si è recato presso la sede della Protezione Civile di Cervinara che si trova in via San Cosma.  La sede funge da base per le ricerche,. Anche le sorelle di Antonio cercano di essere di aiuto.

Intanto, però, anche il secondo giorno di ricerche è passato. I vigili del fuoco hanno scandagliato diverse zone montane ed anche i pozzi, ma non c’è alcuna traccia di Antonio. Purtroppo le ricerche vere e proprie hanno preso il via solo nella mattinata di ieri. Probabilmente si poteva fare prima.

L’ipotesi che possa aver lasciato il paese sembra alquanto inverosimile. Antonio non ha un’auto, si muove a piedi, coprendo anche lunghi tratti. Qualcuno gli avrebbe dovuto dargli un passaggio, gli stessi familiari scartano questa ipotesi.

Nel tardo pomeriggio, le sorelle hanno chiesto ai proprietari del Bar Rosticceria La Gola di poter visionare le telecamere interne. Ed hanno scoperto che venerdì mattina ha preso un caffè nel locale. Ma sabato e domenica non è presentato al bar.

Proprio per questo le sorelle chiedono di poter visionare le immagini delle telecamere di sicurezza del comune. Da quelle immagini, sperano di poter ricostruire la strada che può aver fatto.

Un malore o cosa altro ?

Sembra certo che nella tarda mattinata di domenica e nel pomeriggio ha fatto diverse volte il sali e scendi dalla montagna. Un vagare, probabilmente, senza meta. Non si può escludere che possa aver accusato un malore perché camminava in ore torride.

Si tratta solo di un’ipotesi, la cosa certa è che il 58enne sembra essere svanito nel nulla. E questa sarà l’ennesima notte di angoscia per i familiari.

(foto di repertorio)

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST Anziana barella misericordia Oggi