Logo

Cervinara: il degrado non sia speculazione politica

6 Maggio 2019

Cervinara: il degrado non sia speculazione politica

L’appartamento dove vivevano è stato sanificato per ben quattro volte. Sono state 4 mesi in una casa famiglie dove hanno ricevuto cure ed educazione.

Ad esempio,  è stato insegnato loro, almeno, a mangiare con piatti e posate e ad usare il bagno perchè prima i loro bisogni li facevano dove si trovavano.

E’ una storia di degrado assoluto, una storia tutta cervinarese e fa comodo girarsi a guardare da un’altra parte. Stiamo parlando di una mamma ed una figlia che, per anni, hanno vissuto nel più completo degrado ed abbandono.

A breve, il giudice dovrà nominare per loro un amministratore di sostegno. Intanto, però, è l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Filuccio Tangredi, ad effettuare una sorta di supervisione. I servizi sociali, da tempo, non fanno più capo ai comuni.

Di questa vicenda di assoluto abbandono si dovrebbe preoccupare il piano sociale di zona. Il nostro, però,è fermo da quasi tre anni e così questi gravi problemi sono tornati ad essere materia dell’amministrazione.

Il comune è intervenuto a seguito di diverse segnalazioni. Da quell’appartamento proveniva un tanfo nauseabondo ma ciò che è stato scoperto all’interno è qualcosa che davvero non si può raccontare.

Non si può neanche immaginare che degli esseri umani possano ridursi in questo modo.Le due donne sono state trasferite in una casa famiglia ed il comune ha pagato una rette di 1900 euro al mese, per quattro mesi.

Poi, una volta appresi i rudimenti di igiene, sono potute tornare a casa.

Prima di rientrare, però, sempre a carico dell’amministrazione comunale, l’appartamento è stato sanificato e tutti i mobili che c’erano sono stati buttati via. Ne sono stati comprati degli altri usati da Caturano Mobili a Montesarchio.

Per evitare problemi più gravi sono stati acquistati degli elettrodomestici  perchè il gas metano per quelle due donne potrebbe essere molto pericoloso, secondo quanto consigliato dal medico del centro di igiene mentale che le segue.

Fare una polemica su una vicenda del genere davvero può segnare la fine della politica. Da sottolineare un elemento che a molti è sfuggito. Quando l’amministrazione è intervenuta per questo caso non ha fatto alcun tipo di pubblicità,anzi, ha cercato di proteggere da una curiosità che poteva essere malsana la vita di queste due donne. Magari lo potevano fare anche altri.