Cervinara: il disagio non fa più notizia

Cervinara: il disagio non fa più notizia

7 Aprile 2014

di Il Caudino

Una donna ferma ad un semaforo a chiedere l’elemosina.
Una scena disperata ma ormai tanto abituale da non fare più notizia.
Eppure, se quel semaforo si trova in via Rettifilo a Cervinara, qualche domanda dovremmo porcela.
Innanzitutto, la donna non è del posto.
Fa parte di quella umanità dolente che qualcuno sfrutta.
Non è solo lei. Spesso, in giro per il paese, se ne vede un’altra che è poco più di una bimba, con al collo un neonato. Ed il mercoledì, giorno del mercato settimanale quelle persone diventano quattro o cinque. Possibile che non si riesca a bloccare chi specula su questa sofferenza e, probabilmente, le costringe in una condizione di schiavitù?
Altra domanda riguarda il nostro comportamento passivo o cattivo verso questa gente. Li trattiamo come appestati e temiamo chissà quali pericoli. Ci vantiamo di essere cristiani e di apprezzare tanto il messaggio di Papa Bergoglio.
Ma le nostre sono solo chiacchiere. I nostri comportamenti sono lontani mille miglia dall’insegnamento del Cristo.

Peppino Vaccariello

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Attualità Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST cervinara disagio giovanile Home sviluppo valle caudina