Quantcast

Cervinara: la minoranza prende lucciole per lanterne

ervinara: la minoranza prende lucciole per lanterne. Non si fa attendere la risposta del gruppo di maggioranza del comune di Cervinara
di redazione
2 settimane fa
21 Febbraio 2021
Cervinara: la minoranza prende lucciole per lanterne

Cervinara: la minoranza prende lucciole per lanterne. Non si fa attendere la risposta del gruppo di maggioranza del comune di Cervinara che sostiene il sindaco Caterina Lengua dopo l’attacco di Uniti per Cervinara. Cervinara Sempre rampogna i consiglieri di opposizione con questo comunicato.

Onorare la verità

Bisogna onorare la verità sulla polemica riferita all’annullamento, da parte del Tar, degli atti relativi alla gara d’appalto concernente i lavori da eseguire presso la Scuola media, si legge nel comunicato stampa di Cervinara Sempre.

Anche in questo caso, volendo ingentilire una espressione idiomatica cara ai nostri paesani, il gruppo di minoranza “Uniti Per Cervinara” ha preso lucciole per lanterne.

I fatti sono differenti e cercheremo di spiegare con parole semplici, le mistificazioni e la strumentalizzazione politica di opposizione.

Il Comune di Cervinara ha una convenzione con altro ente, per la gestione, in forma associata, delle attività e funzioni per l’acquisizione di lavori, servizi e forniture, proprie della Centrale Unica di Committenza (C.U.C.).

Quest’ultima, come anche i non addetti ai lavori sanno, è una struttura esterna che prepara le procedure di affidamento dei lavori da fare sul nostro territorio.

La nostra responsabilità di amministratori è quella di predisporre la proposta dell’opera da realizzare e di provvedere,con l’ aiuto e la competenza dei nostri uffici, all’approvazione del progetto e al reperimento dei fondi necessari per la realizzazione.

Dopodiché, ogni adempimento successivo è di esclusiva competenza e viene svolto dalla Centrale Unica di Committenza. La centrale , attraverso una commissione di professionisti, totalmente e necessariamente estranei all’amministrazione, esamina le pratiche presentate e valuta, secondo i parametri stabiliti dalla legge, quali sono le condizioni di assegnazione. Questo è il percorso.

Abbagli

Gli abbagli dell’opposizione restano una preoccupazione, perché testimoniano una mancanza completa di conoscenza amministrativa ed una improvvisazione giornaliera sulle modalità di fare politica.

Se ci è stato un errore di valutazione da parte della Centrale Unica di Committenza è cosa giusta che venga chiarita, che tutto torni nel binario dettato dal codice.

Ma non vi può essere alcun addebito all’ azione, sia del Sindaco che degli amministratori, poiché (è bene ripeterlo) gli atti e le determinazioni sui criteri e l’iter di gara riguardano soltanto le prerogative della Centrale Unica di Committenza.

È notorio che i ricorsi in questa materia sono all’ordine del giorno ed innumerevoli sono i casi dove, su questioni non bene regolamentate o chiarite dalla giurisprudenza, ci si rivolge agli organi giudicanti.

Fatto, questo, da cogliere in positivo perché assicura a tutti la possibilità di tutelare i propri interessi nel rispetto massimo della trasparenza.

Per quanto attiene all’avvocato nominato dall’ente nel procedimento (instaurato a seguito del ricorso promosso dalla società risultata seconda), è bene segnalare che è sempre una questione di opportunità sostanziale predisporre una difesa di part.

Pregiudizi per il comune

Anche per evitare che, la mancata costituzione in giudizio, possa creare pregiudizi al nostro Comune, in considerazione della necessità di avviare l’opera nel termine decadenziale stabilito nel finanziamento.

Infine, rispettiamo il ruolo della minoranza, ma dobbiamo constatare che non hanno la minima idea di come sia strutturata la macchina amministrativa.

Brancolano nel buio, perdono tempo alla ricerca vana del clamore pretestuoso, dell’allarme ingiustificato, della magagna istituzionale, del cavillo infondato.

Fino ad ora, la loro posizione non ha niente a che fare con la politica, è accanimento gratuito per la visibilità del momento.

Noi continuiamo, uniti e compatti, a fare ogni cosa sia possibile per il bene dei nostri cittadini, con azioni concrete, frutto di competenza ed esperienza che rafforzano la nostra riconosciuta credibilità. Speriamo che, prima o poi, il gruppo di minoranza prenda coscienza di ragionare nella stessa direzione. Il Gruppo di maggioranza “Cervinara Sempre”.