Cervinara: la strage del ’45, ritrovata la piastrina di una delle vittime

28 Novembre 2023

Cervinara: la strage del ’45, ritrovata la piastrina di una delle vittime

Cervinara: la strage del ’45, ritrovata la piastrina di una delle vittime. Qualche settimana fa, Raimondo Brevetti, (nella foto) stava frugando tra vecchi scatoloni quando si è imbattuto in una serie di piccoli cimeli raccolti quasi 80 anni fa.

Nascoste con cura all’interno di un libro c’erano tre spille militari statunitensi, una piastrina per cani e una piastra di metallo che una volta era stata fissata su un aereo.

------------

Raimondo Brevetti, che oggi ha 97 anni, ha raccolto i cimeli quando aveva 19 anni e viveva a Cervinara, in provincia di Avellino, in Italia.

Dopo aver ritrovato i cimeli militari, Raimondo Brevetti ha raccontato a sua moglie, Jeanette Brevetti, la storia di come li aveva trovati. La coppia, che vive a New York, è sposata da 24 anni.

Con una passione per la ricerca ancestrale e la creazione di alberi genealogici, Jeanette si è subito messa al lavoro ricercando il nome stampato sulla targhetta: “Joseph H. Brandon”.

Jeanette Brevetti in breve tempo è riuscita a scoprire che Joseph Haley Brandon era di Springfield, Missouri. È riuscita anche a trovare informazioni sul nipote di Brandon, Joseph Brandon Carroll, che sfortunatamente morì in un incidente aereo nel 1987 a Springfield all’età di 41 anni, secondo gli archivi di News-Leader.

Alla fine, Jeanette è riuscita a rintracciare un numero di telefono del 56enne Joseph Brandon Carroll II, che si fa chiamare Brandon Carroll. Qualche giorno fa i Brevetti, Carroll e Gregory Brevetti, nipote di Jeanette e lo stesso Raimondo, si sono riuniti in una teleconferenza per “incontrarsi” per la prima volta.

Nel corso di una telefonata durata quasi 45 minuti, Raimondo Brevetti ha ricordato come ha trovato la piastrina e Carroll ha raccontato dell’impatto che la morte del suo prozio ha avuto sulla sua famiglia.

 Trovato tra le macerie

Era il 28 aprile 1945 quando un aereo militare americano si schiantò nei pressi di Cervinara, abbastanza vicino alla casa dei Brevetti che ricorda ancora di aver visto l’esplosione e le fiamme tra le montagne. A bordo dell’aereo c’erano 16 americani, tutti morti nello schianto.

Il primo tenente Joseph Brandon di Springfield era uno di questi uomini. La morte dei militari avvenne poco meno di cinque mesi prima della fine della seconda guerra mondiale, nel settembre 1945.

Secondo le ricerche condotte da Jeanette, l’aereo stava viaggiando da Napoli a Roma quando si è schiantato. Raimondo Brevetti, all’epoca studente di medicina diciannovenne, disse di essersi avventurato sul luogo del disastro aereo appena quattro giorni dopo l’incidente, camminando per circa due ore per raggiungere il luogo dell’impatto dell’aereo con il suolo.

“Ho visto questo aereo che puntava a nord… i motori erano per metà sotto terra, per metà immersi nel terreno e la coda dell’aereo era in qualche modo in aria”, ha ricordato Raimondo.

Al suo arrivo, c’erano circa 15-20 persone del posto che rimuovevano i cavi di rame dall’aereo. Tutti i corpi erano stati rimossi prima della sua ricognizione sul luogo.

Raimondo, rovistando personalmente alcuni dei detriti, ha trovato le tre spille militari, la piastrina e la placca metallica che ora è in suo possesso. Due delle spille sembrano essere le ali del navigatore dell’aeronautica americana e l’altra ha l’emblema di un’aquila su di essa.

Raimondo portò a casa questi reperti, mettendoli in un libro per custodirli al sicuro. “Me ne ero dimenticato”, ha detto Raimondo durante la chiamata. Il funerale di Joseph Brandon si tenne tre anni dopo la morte. Carroll, un appassionato di storia, ha detto che anche lui ha provato a trovare maggiori informazioni sul suo prozio, ma non ha avuto molta fortuna.

Storia triste

Brandon era l’unico fratello di Leila Brandon (Leila Carroll dopo il matrimonio) e la sua morte pesò molto su sua sorella. Leila morì nel 1991, ha detto Carroll. “È sempre stata una storia triste”, ha aggiunto Carroll.

Era amato. Era bello. È stata una tragedia e lei (Leila) non poteva parlarne troppo senza emozionarsi molto. Le sarebbe piaciuto vivere questo momento”. Inizialmente sepolti nel cimitero militare degli Stati Uniti a Napoli, in Italia, i resti di Brandon furono restituiti nel Missouri sudoccidentale, insieme ai resti di altri 28 uomini uccisi durante la seconda guerra mondiale, nel 1948.

Restituzione delle piastrine

Il motivo principale per cui i Brevetti desideravano entrare in contatto con i parenti viventi di Brandon era trasferire loro la sua piastrina. Nella teleconferenza della scorsa settimana, Raimondo ha detto che avrebbe consegnato a Carroll e alla sua famiglia anche la targa metallica dell’aereo.

“È veramente strano, ho sempre pensato che forse avrei portato i miei figli in Italia e avremmo ripercorso tutto questo perché avevo sempre sentito parlare di lui (Brandon)”, ha detto Carroll durante la chiamata.

“Ho sempre pensato che sarebbe stato una sorta di pellegrinaggio pacifico portare le mie figlie lì. E tu hai fatto il viaggio per me, (Raimondo). Grazie. Hai portato tutto nel Missouri”.

Per quanto riguarda le tre spille, Jeanette ha detto che spera di entrare in contatto con eventuali parenti viventi degli uomini a cui appartenevano. Se non ci riuscirà, i Brevetti li doneranno a un museo militare.

Mentre si discuteva dell’invio della piastrina e della piastra metallica a Carroll, alla fine della teleconferenza, Carroll e i Brevetti hanno deciso che avrebbero voluto incontrarsi, di persona, per la consegna dei cimeli.

“Mi piace l’idea… di incontrarci, e penso che sia il minimo che possiamo fare per completare il cerchio della storia”, ha detto Carroll durante la chiamata. Anche se i dettagli devono ancora essere risolti, sembrava probabile che Carroll potesse visitare i Brevetti a New York in primavera. “Vorrei assolutamente abbracciarvi tutti”, ha detto Carroll ai Brevetti.

Adattamento e traduzione di Pasquale Marro 

Continua la lettura