Quantcast

Cervinara: “Mi vergogno di essere cervinarese!”

2 mesi fa
12 Ottobre 2020
di redazione

Cervinara: “Mi vergogno di essere cervinarese!”. Riceviamo e pubblichiamo da un nostro lettore che, sull’onda emotiva del primo morto per covid a Cervinara, esprime la propria opinione. Ricordiamo ai soliti malpensanti, che la lettera non è anonima. Omettiamo la firma perché ci è chiesto espressamente.

“Egr. Direttore, Pochi minuti fa si è scritta una bruttissima pagina della storia di Cervinara, un Ns. concittadino è morto a causa del coronavirus.

Le scrivo con la morte nel cuore e con i brividi lungo tutto il corpo al solo immaginare come questa persona sia deceduta; nella solitudine più assoluta; senza nemmeno rivolgere un ultimo sguardo ai propri cari.

In questi momenti il silenzio la dovrebbe fare da padrone, bisognerebbe solo stare zitti in segno di rispetto, mi creda, ORA BASTA, non si può sempre tacere soprattutto difronte ad una disgrazia annunciata.

Una morte annunciata

Si Egr. Direttore sottolineo ANNUNCIATA, si sapeva che prima o poi che col fai da te (tutto bene, tutto sotto controllo, con numeri che talmente di quelle volte dati e nel giro di un minuto smentiti e rettificati, tanto da destare nella gente il dubbio che qualcosa si stesse cercando di nascondere) delle Istituzioni Locali e Provinciali anche la Ns. comunità avrebbe pagato il suo dazio al coronavirus.

Tutti lo sappiamo ma allo stesso tempo tutti stiamo zitti e andiamo avanti alla Viva GESU’, come diceva nelle sue campagne elettorali di tanti anni fa IL MAESTRO DI VITA INDIMENTICABILE PRESIDE GERARDO BREVETTI.

Cervinara è un popolo di PECORONI, tutti a sbraitare ma mai nessuno a passare ai fatti, è VERGOGNOSA la gestione del coronavirus a Cervinara fatta con leggerezza, con superficialità e soprattutto con L’ARROGANZA di chi ha creduto di avere poteri Chiaroveggenti.

E gli bastava leggere nella sfera di cristallo e trovare la soluzione al coronavirus a Cervinara, evidentemente oggi l’arte della Cristallomanzia di questi signori non ha funzionato.

Avete sulla coscienza una morte annunciata, e di questo non dovrete dare conto né a Me né ai familiari di questa persona MA DOVRETE DARE CONTO ALLA VS. COSCIENZA.

L’arroganza

Questo rimorso lo dovrete avere sempre nei vs. cuori, se non aveste avuto L’ARROGANZA del FAI DA TE sicuramente oggi non staremo a piangere questo Ns. concittadino.

La Vs. ARROGANZA, sia delle Istituzioni Locali che Provinciali è iniziata già da una ventina di giorni fa quando è scoppiato il focolaio nella ns. comunità.

Addebitando la maggior parte delle colpe alla Movida, agli Assembramenti, mai che Vi foste posti il dubbio nel dire “ABBIAMO FATTO UNA CAMPAGNA ELETTORALE UN PO’ TROPPO ALLEGRA E CHISSA’ CHE ANCHE IL NS. COMPORTAMENTO E’ STATO CAUSA DEL FOCOLAIO” invece NO.

Accanimento alla Movida, sicuri che il focolaio è scoppiato tutto post elezioni o già il virus circolava prima e zitti e muti?

Qualcuno potrebbe spiegare alla popolazione a fronte di un focolaio del genere non è fatto un numero adeguato di tamponi, soprattutto visto che nei giorni precedenti migliaia di persone si sono recate a votare.

Pochi tamponi

E sono a contatto tra di loro senza sapere se positivi o no, a stento è stato fatto qualche centinaio (400/500 non lo so) di tamponi a fronte di migliaia di persone che sono state a stretto contatto tra di loro.

Gli interrogativi

Perchè solo questi pochi miseri tamponi pur sapendo che chi è risultato positivo nei giorni delle elezioni comunque è stato a contatto con altre migliaia di persone?

Visto l’evento di massa che ci è stato a Cervinara non avete provveduto a fare tamponi a tappeto? PERCHE?

Perchè a molti familiari diretti di positivi non avete fatto fare il tampone? Perchè, lo sanno anche le pietre per la strada, c’è gente sintomatica con febbre e sintomi riconducibili al virus non sono mai stati sottoposti a tamponi?

Poi come ciliegina sulla torta l’altro giorno nell’incontro che avete avuto col Prefetto, al quale avete garantito che la situazione a Cervinara era totalmente sotto controllo, che il picco era stato raggiunto ora inziava la discesa, guarda caso detto fatto magicamente a Cervinara nessun positivo più, non si fanno più nuovi tamponi è diventata COVID-FREE.

Mah, da emerito ignorante che sono mi sapete dire come si fa a dire che a Cervinara è tutto sotto controllo quando i tamponi fatti sono proporzionalmente inferiori al numero delle migliaia di persone a rischio, che si sono recate a votare non sapendo con chi sono stati a contatto.

Vi consiglio amichevolmente per il decesso del ns. concittadino evitate di fare commenti di circostanza fate più bella figura.
Credetemi mi VERGOGNO DI ESSERE CERVINARESE.

Lettera firmata  

temi di questo post