Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Detenuto stuprato in carcere, la denuncia del garante

Pubblicato il 25 Agosto 2022 - 19:49

Detenuto stuprato in carcere, la denuncia del garante

Detenuto stuprato in carcere, la denuncia del garante. Un detenuto è stato stuprato da un ex compagno di cella nel carcere di Santa Maria di Capuavetere”.  Lo scrive Napoli Fanpage.

La denuncia del garamte

È quanto denuncia il garante dei detenuti di Caserta, Emanuela Belcuore, che ha appreso la notizia durante un sopralluogo nell’istituto penitenziario del Casertano.

La Belcuore si era recata nel carcere a seguito del tentato suicidio di un altro detenuto. Una volta all’interno della struttura, però, secondo quanto ha raccontato, un altro recluso le avrebbe chiesto un colloquio per denunciarle la presunta violenza sessuale subita in carcere da un altro detenuto, suo ex compagno di cella. “Sono distrutto come uomo – avrebbe detto la presunta vittima alla Garante – non ho più una dignità”.
“Violentato in cella durante l’ora d’aria”

L’uomo avrebbe raccontato di essere stato violentato in cella mentre gli altri detenuti stavano facendo l’ora d’aria. La presunta vittima ha raccontato alla garante la modalità brutale dell’aggressione e le avrebbe chiesto aiuto.

L’uomo, secondo il racconto della Belcuore, avrebbe denunciato regolarmente quanto accaduto. Ma, sottolinea la Garante dei Detenuti di Caserta, ci sarebbero “dei buchi” che “devono essere approfonditi: sia per l’area sanitaria sia per la domanda di trasferimento che è stata stranamente rigettata, così come è strano che il presunto violentatore è ancora nel suo reparto lasciato alle sue mansioni. Ho segnalato tutto alle autorità competenti – conclude Belcuore – entrambi i detenuti andrebbero trasferiti”.

L’appello ai candidati

La Garante si rivolge poi anche ai candidati alle elezioni politiche, chiedendo maggiore spazio anche per le tematiche relative alla vita nelle carceri, così come già fatto negli scorsi giorni dal Garante dei detenuti della Campania, Samuele Ciambriello.

Continua la lettura