Cronaca

Furto aggravato di legna in area demaniale, scatta un arresto

Furto aggravato di legna in area demaniale, scatta un arresto

Furto aggravato di legna in area demaniale, scatta un arresto. I militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale di Benevento, in un’operazione volta alla tutela dei boschi, congiuntamente con personale della Stazione Carabinieri Forestale di Benevento e di Pontelandolfo hanno tratto in arresto in flagranza di reato un soggetto per furto aggravato di legna di essenze forestali.

Area demaniale

Questo materiale si trova ubicato in area demaniale sottoposta a vincolo paesaggistico – ambientale. L’attività investigativa ha permesso di porre sotto sequestro circa 30 quintali di legna pronti per la commercializzazione, nonché specifici strumenti ed attrezzature tecniche, consistenti in macchine agricole e motosega a catena, utilizzate per l’abbattimento degli alberi ed il taglio del legname.

In considerazione della recente criticità economica in termini di aumento dei prezzi delle fonti energetiche come il gas ed il pellet, il ricorso all’uso del legname quale fonte di riscaldamento per le abitazioni è certamente diventata la scelta favorita, determinando conseguentemente un aumento delle attività illecite correlate al taglio abusivo dei boschi.

L’intervento dei Carabinieri Forestale di Benevento è un ulteriore riscontro all’azione di contrasto, avviata sin da questa estate al peculiare fenomeno del saccheggio e devastazione del patrimonio forestale, che attraverso il furto della legna vede in una visione antropocentrica lo sfruttamento indiscriminato delle risorse ambientali.

Continua così senza tregua la campagna dei Carabinieri Forestale e dell’Arma territoriale ad attenzionare l’intera filiera attraverso controlli mirati presso ditte, imprese ed aziende, lungo le arterie stradali del Sannio.

Domiciliari in attesa del giudizio per direttissima

Al termine delle operazioni di rito l’uomo è stato dichiarato in arresto e condotto, su disposizione dell’Autorità giudiziaria presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa del previsto rito per direttissima. La misura precautelare disposta dalla polizia giudiziaria in sede di indagini preliminari, verrà sottoposta alla convalida dell’Autorità giudiziaria, avverso cui sono ammessi mezzi d’impugnazione. La persona coinvolta è da ritenersi sottoposte alle indagini e pertanto presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

Due ragazze com il vizio del furto beccate dai carabinieri
Carabinieri
Due ragazze com il vizio del furto beccate dai carabinieri
Prende a martellate il figlio disabile e poi si suicida
disabile
Prende a martellate il figlio disabile e poi si suicida