Quantcast

Irpinia: 27 nuovi positivi al Covid oggi, nessuno in Valle Caudina

E' quanto fa sapere l'Asl di Avellino: nel versante irpino della Valle Caudina, nessun contagio nelle ultime 24 ore
di il caudino
2 mesi fa
12 Febbraio 2021

Irpinia: 27 nuovi positivi al Covid oggi, nessuno in Valle Caudina. E’ quanto fa sapere l’Asl di Avellino nella consueta comunicazione relativa alla diffusione del Covid 19.

Irpinia: 27 nuovi positivi al Covid oggi, nessuno in Valle Caudina

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 818 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 27 persone:

– Uno, residente nel comune di Aquilonia;
– 2, residenti nel comune di Atripalda;
– Quattro, residenti nel comune di Avellino;
–  1, residente nel comune di Contrada;
– 2, residenti nel comune di Forino;

– 1, residente nel comune di Lauro;
– Uno, residente nel comune di Mercogliano;
– 1, residente nel comune di Monteforte Irpino;
– Uno, residente nel comune di Montefusco;
– 1, residente nel comune di Montella;
– 2, residenti nel comune di Montemiletto;
– Due, residenti nel comune di Montoro;
– 1, residente nel comune di Ospedaletto d’Alpinolo;
– 1, residente nel comune di Pietradefusi;
– 5, residenti nel comune di Serino;

– 1, residente nel comune di Solofra;
–  1, residente nel comune di Sperone.
L’Azienda Sanitaria Locale ha avviato indagine epidemiologica sui contatti dei casi positivi.

Qui le altre notizie di cronaca.
Segui tutti gli aggiornamenti cliccando “mi piace” sulla pagina Facebook del Caudino.

Indice Rt

L’indice di contagio Rt sale, in Italia, dal valore di 0,84 a quello di 0,95. Il dato, che indica un peggioramento della pandemia di Covid-19, emerge dal monitoraggio di Istituto superiore di Sanità e Ministero Salute, nel quale si legge che, per la seconda settimana, si registrano nel nostro Paese «segnali di contro-tendenza» rispetto a una situazione che era di generale miglioramento.

L’Iss e il ministero spiegano che il calo dei nuovi casi sta rallentando, e che dunque l’Italia viva una fase di rischio di un «nuovo rapido aumento diffuso» dei contagi da coronavirus Sars-CoV-2, anche a causa della diffusa circolazione di «varianti» a «più elevata trasmissibilità».

Nel monitoraggio si evidenzia come 7 tra regioni e province autonome abbiano un Rt puntuale maggiore di 1 anche nel limite inferiore (l’indice Rt è indicato con una «forchetta», con un valore superiore e inferiore): si tratta di un dato in peggioramento rispetto a 7 giorni fa. Le altre regioni e province autonome hanno dati inferiori.

In tutta Italia, solo Sardegna e Valle d’Aosta hanno un’incidenza settimanale sotto i 50 casi per 100.000 abitanti (soglia oltre la quale il servizio sanitario ha mostrato i primi segni di criticità). L’incidenza supera invece la soglia di 250 casi per 100.000 abitanti in tre casi: Bolzano (770,12 per 100.000 abitanti), Trento (254,85 per 100.000 abitanti) e Umbria (283,28 per 100.000 abitanti).