Quantcast

La Campania resta in zona rossa non valgono le regole del nuovo Dpcm

di redazione
3 mesi fa
3 Dicembre 2020

La Campania resta in zona rossa non valgono le regole del nuovo Dpcm. La Campania al momento resta zona rossa. Cosa cambia con il nuovo dpcm del premier Conte? Tra le altre cose il decreto prevede che dal 4 dicembre al 6 gennaio, i negozi restano aperti sino alle 21.

Dal 4 dicembre al 15 gennaio, nei giorni festivi e prefestivi, nei centri commerciali saranno aperti solo alimentari, farmacie, parafarmacie, sanitari, tabacchi, edicole e vivai.

In Campania le cose non andranno così almeno fino a quando resterà in zona rossa. A darne notizia anche la Confcommercio della Campania che fa sapere.

«Si comunica che i negozi delle regioni che si trovano in zona rossa domani non potranno riaprire. Pertanto si resta in attesa delle decisioni che saranno prese domani dal ministro della Salute su eventuali modifiche relative al ‘colore’ della Regione Campania».

Almeno domani, quindi, per la nostra regione non succederà nulla. Il colore dovrebbe cambiare o, almeno, sembra plausibile che cambi in quanto il numero dei contagi è in netto ribasso. Non così, il numero dei decessi che, negli ultimi giorni, hanno avuto un serio incremento.

Ma è così in tutta Italia. Non dimentichiamo che oggi si è sfiorato il numero di mille per quanto riguarda i morti di tutta Italia.

La Regione Campania, quindi, resta ancora in bilico tra le diverse zone di rischio. Rossa, ad alto rischio, arancione, a rischio medio-alto, e gialla a rischio moderato.

I dati degli ultimi giorni segnano un trend in miglioramento per quanto riguarda i contagi; ma preoccupa ancora l’impatto che può avere la pandemia sul sistema sanitario regionale.

La Campania resta in zona rossa non valgono le regole del nuovo Dpcm

L’ipotesi è che la Campania possa passare alla zona arancione a partire da domenica 6 dicembre; ma bisognerà attendere domani per sapere se sarà così o meno.

Stesso discorso dei negozi vale anche per gli spostamenti, fino a indicazione diversa del Governo, infatti, dovrebbe valere la classificazione già stabilita per la regione attualmente in vigore.

Temi di questo post