Word of Sport

La modernità della battaglie di Fucci a 24 anni dalla scomparsa

Una vita dalla parte delle zone interne
sei in  valle caudina

1 mese fa - 20 Ottobre 2021

La modernità della battaglie di Fucci a 24 anni dalla scomparsa. Il tempo scorre inesorabile e sembra cancellare le tracce di coloro che hanno lasciato il mondo terreno. Non per tutti è così. Lo dimostra il ricordo che viene mantenuto intatto dell’avvocato Giuseppe Vittorio Fucci di cui  ricorre il  24esimo anniversario della scomparsa.

Cenni biografici

L’On.le Avv. G. Vittorio Fucci era nato ad Airola il 15 gennaio 1921 dal matrimonio tra Carlo Fucci e Marianna Taddeo, risultando l’ultimo di 23 figli. Nel 1954 sposò Mendes Catuogno e dalla loro unione nacquero 4 figli. E’ scomparso il 20 ottobre del 1997. G. Vittorio Fucci ha fatto spaziare il proprio interesse dalla professione forense, alla politica, all’impegno come poeta e scrittore e a quello sociale e didattico.

Per partecipare al secondo conflitto mondiale fu costretto a sospendere gli studi e quindi si laureò in giurisprudenza presso l’Università federiciana degli studi di Napoli poco dopo la fine della guerra.

La professione forense

Intraprese la professione forense come discepolo del professore avvocato Cesare Loasses, che è stato uno dei più illustri penalisti italiani, nel cui studio di distinse per il proficuo impegno professionale. L’attività forense, poi, lo portò a divenire patrocinante innanzi alla Cassazione ed alle altre giurisdizioni superiori.

Ben presto manifestò il suo interesse per la politica, alla quale si avviò a seguito delle determinanti sollecitazioni dell’avvocato Alessandro Lombardi, che è stato il primo presidente dell’amministrazione provinciale di Benevento dopo l’avvento della Repubblica, aderendo ben presto alla Democrazia Cristina nell’immediato secondo dopoguerra.

La carriera della Dc

Si distinse per il particolare impegno che profuse per la lista della democrazia cristiana in occasione delle elezioni amministrative per il rinnovo del consiglio comunale di Airola del 1952. Fu così che Sua Eccellenza l’Onorevole Giovan Battista Bosco Lucarelli, tra i fondatori del partito popolare prima, e della democrazia cristiana dopo, volle con forza la sua elezione, nel 1952, nel comitato provinciale della democrazia cristiana prima e nella direzione provinciale del partito poi.

Intanto cominciarono a profilassi anche all’interno della democrazia cristiana le prime contrapposizioni dialettiche, che portarono alla formazione di gruppi che interpretavano e vedevano in maniera diversa sia l’esigenza del martoriato territorio provinciale, sia i modi e i metodi da seguire per risolvere i tanti secolari problemi che affliggevano la popolazione del sannio.

La modernità della battaglie di Fucci a 24 anni dalla scomparsa

Fu questa fondamentale diversa chiave di lettura, che portò l’Onorevole Bosco Lucarelli ad intravedere in Giuseppe Vittorio Fucci il suo certo e degno successore politico nell’ambito della DC.

Infatti,   quando   agli  inizi   del   1954  Bosco   Lucarelli   si  ammalò gravemente,   spirando  nei primi  mesi dello stesso  anno,  l ‘ Avvocato G.  VITTORIO   FUCCI,  all’età   di  33  anni,  fu chiamato a reggere come Segretario Provinciale le sorti della DC sannita.

La corrente Fucci – Vergineo

Fu da quel momento che si consolidò, all’interno  della democrazia cristiana provinciale, il binomio FUCCI-VERGINIO, che per anni costituì la leaderschip del gruppo degli allora giovani che maggiormente   si  distinse  nella  vita  politica  provinciale   della democrazia cristiana e che visse una feconda contrapposizione dialettica con la corrente vetroniana.

Seguirono anni di lunghe ed aspre battaglie, nel corso dei quali non mancarono  giuste e  leali critiche  che G.V. Fucci rivolse  al suo stesso partito, del quale cominciò a presagire i segni dell ‘inizio di una grande e irreversibile crisi, così come fu stigmatizzato nel suo saggio politico “il partito è uguale per tutti”. Crisi che quindi intravide e presagì alla fine degli anni ’50, con un anticipo  di  oltre  30  anni rispetto  allo  scioglimento  della  stessa democrazia cristiana.

La forte passione per la Dc

Continuò, tuttavia, a coltivare la sua grande e forte passione per la D.C., nella quale ricoprì più volte la carica di vicesegretario provinciale e segretario della sezione della democrazia cristiana di Airola. Significativi  furono  i  suoi rapporti  politici  con  l’On.le  GIULIO ANDREOTTI,    il   Sen  AMINTORE   FANFARI    e    L’On.leGIOVANNI PERLINGIERI.

Ssuccessivamente grande rilievo hanno avuto nella sua vita l’impegno  e i rapporti politici e umani prima con l’On.le FIORENTINO SULLO e poi con l’On.le CLEMENTE MASTELLA, al quale restò legato sino agli ultimi giorni della sua attività. .

Oltre a militare nella Dc ha avuto incarichi di elettiivi di grande prestigio.  Tra le altre cose, è stato sindaco di Airola e per ben due volte consigliere regionali. A 24 anni dalla scomparsa le sue battaglie per le zone interne risultanto modernissime.

La modernità della battaglie di Fucci a 24 anni dalla scomparsa
TEMI DI QUESTO POST airola dc fucci Oggi partito