Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

La tragedia di Ischia,8 i morti, 4 i dispersi

Pubblicato il 29 Novembre 2022 - 9:32

La tragedia di Ischia,8 i morti, 4 i dispersi
La tragedia di Ischia,8 i morti, 4 i dispersi. Frana ad Ischia: otto le vittime, quattro i dispersi. Il fango che ha devastato una zona di Casamicciola Terme, a Ischia, in seguito all’alluvione di sabato mattina, continua a restituire corpi martoriati delle vittime.

Le squadre di soccorritori che lavorano in via Celario hanno individuato ed estratto l’ottava vittima dell’alluvione: si tratta di Michele Monti, il ragazzo di 15 anni, fratello di Francesco e Maria Teresa, i cui corpi erano stati ritrovati ieri.

Si cercano i corpi dei loro genitori, Gianluca Monti e Valentina Castagna. Gli altri due dispersi sono presumibilmente il compagno di Eleonora Sirabella, la prima vittima ritrovata, e di un’altra giovane donna.

Lo ha riferito il prefetto di Napoli, Claudio Palomba, al termine della riunione del Ccs. I feriti restano 5, di cui solo uno trasportato fin da subito all’ospedale Cardarelli di Napoli ma rispetto alle condizioni di salute non sono segnalati particolari problemi.

La denuncia dell’ex sindaco di Casamicciola

La denuncia Giuseppe Conte, che è stato sindaco di Casamicciola nei primi anni ’90.”L’ultima mia segnalazione alle autorità competenti sui gravi rischi per la popolazione di Casamicciola dovuti al dissesto idrogeologico li avevo segnalati il 22 novembre scorso.

Avevo scritto al prefetto di Napoli, al commissario prefettizio di Casamicciola, al sindaco Manfredi e alla Protezione Civile Campania. Nessuno mi ha risposto. A seguito dell’allerta meteo arancione, avevo segnalato il pericolo per la popolazione della zona e chiesto la loro evacuazione“.

Accertare se le abitazioni travolte dall’alluvione e presenti in quell’area erano abusive e se pendeva un provvedimento di demolizione: sono le prime domande alle quali la Procura di Napoli vuole dare una risposta attraverso le indagini scattate subito dopo la tragedia di Casamicciola.

Ma l’attività di accertamento – il fascicolo è stato aperto ipotizzando, per ora, il reato di disastro colposo – non riguarderà solo la zona devastata dalla frana.

Continua la lettura