Quantcast

Montesarchio: domani non tornano a scuola i bimbi di quarta e di quinta elementare

Montesarchio: domani non tornano a scuola i bimbi di quarta e di quinta elementare.  Le scuole restano chiuse a Montesarchio
di redazione
1 mese fa
20 Gennaio 2021

Montesarchio: domani non tornano a scuola i bimbi di quarta e di quinta elementare.  Le scuole restano chiuse a Montesarchio. Nonostante l’ordinanza del Tar, il sindaco di Montesarchio Franco Damiano ha deciso che i bimbi di quarta e quinta elementare continueranno con le lezioni a distanza sino a sabato 23 gennaio.

Unità di crisi.

In quella data, tenendo presente anche quello che deciderà l’Unita di Crisi della giunta regionale della Campania, si valuterà il da farsi. Probabilmente, lunedì 25 gennaio torneranno in presenza le quarte e le quinte elementari a Montesarchio.

31 positivi

Rispetto alla decisione del primo cittadino pesa anche la situazione epidemiologica. Al momento, a Montesarchio si contano ancora 31 persone positive. Non si può ancora dire che il covid sia lontano. Da qui la decisione della fascia tricolore.

La situazione, nella nostra regione, ha subito un’accelerazione poche ore fa quando il Tar della Campania ha accolto il ricorso dei genitori no dad e il presidente De Luca si è visto costretto ad aprire le scuole ad horas

De Luca

Il Tar della Campania si è pronunciato sull’ordinanza relativa all’attività scolastica nella nostra regione, stabilendo l’adeguamento alle disposizioni nazionali per quanto riguarda la scuola Primaria. Lo comunica il presidente della giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca.

Si ricorda che la Regione aveva già consentito l’attività didattica in presenza fino alla terza classe elementare, cui si aggiungono ora anche la quarta e la quinta, a partire da domani, 21 gennaio 2021.

Rimangono in vigore le disposizioni regionali relative alla scuola secondaria di primo grado, le cui attività in presenza restano pertanto sospese fino al 23 gennaio. Per la Secondaria di II grado si deciderà, come previsto nell’ordinanza regionale, dopo il 23 gennaio alla luce delle verifiche dell’Unità di Crisi.

A breve sarà emanata un’ordinanza che riassumerà l’insieme delle decisioni relative all’attività scolastica, coerenti con quanto stabilito. Sarà consentito ai sindaci e alle autorità sanitarie locali di assumere decisioni connesse ai contesti locali.

Temi di questo post