Attualità

Montesarchio: il mistero del labrador scomparso

di  Redazione  -  4 Giugno 2019

Montesarchio . ” Il cane glielo posso anche regalare ma mi sono rivolto a voi per chiarire la vicenda sino in fondo”.

Una persona di Montesarchio, dopo aver letto i nostri due articoli sulla vicenda del labrador scomparso e poi ritrovato, ci ha contattato per farci conoscere la sua versione dei fatti.

Il labrador, che lui ha chiamato Argo, gli è stato regalato nei primi giorni del mese di marzo 2016. Lo ha cresciuto, vaccinato, però, come lui stesso specifica, si è dimenticato di microchipparlo. Cosa che ha fatto, come dimostrano i documenti in suo possesso, il venti maggio scorso.

Purtroppo,Argo aveva la tendenza a fuggire ma poi tornava sempre a casa. All’inizio del mese di aprile, il cane è fuggito di nuovo ma non è più tornato. Il proprietario, dopo qualche giorno, si è preoccupato ed ha iniziato a cercarlo. Tra le altre cose, sempre come ci dichiara questa persona, nel cercarlo, ha bussato alla porta della famiglia che, attualmente, si prende cura del cane. Ad una sua esplicita richiesta, gli è stato risposto che non avevano alcun labrador.

Una decina di giorni dopo,però,  il cane si ripresenta  da lui , il quale vedendo su facebook l’avviso di smarrimento, si preoccupa di informare che, praticamente, il cane era tornato dal suo vecchio e legittimo proprietario.

Dopo la telefonata, gli vengono avanzate richiese di denaro per le spese mediche sostenute.” In un certo senso, quindi, ci dice, questa persone viene ammesso che il cane è di mia proprietà2.

In un primo momento declina l’invito  a pagare, ma visto che sta lavorando ed è impegnato, chiede di essere contattato con più calma,. Ma questo secondo contatto non c’è mai stato, anche perchè lui sarebbe stato disposto a regalare il cane, vista la sua scarsa fedeltà.

Domenica, Argo fugge di nuovo e torna alla seconda abitazione. Questa persona, però, tiene a precisare che il cane non è stato maltrattato e quelle ferite sono ascrivibili a dei litigi con altri cani di sua prorprietà

A questo punto, il padrone di Argo si è recato anche presso il commissariato di polizia di stato di Cervinara per chiarire la sua posizione.

Convinto di essere nel giusto chiede un confronto con  l’altra famiglia e le dovute scuse se viene dimostrato che il cane è suo.

Fatto questo è disposto a regalare il labrador, proprio perchè tende a fuggire.