Quantcast

Montesarchio, l’Inter club e la festa degli Altari

di  Il Caudino
4 anni fa - 16 Giugno 2017

La festività del corpus domini è una tradizione secolare della comunità di Montesarchio, celebre per l’allestimento degli “Altari commemorativi” della vita di Gesù Cristo.
Sovente si vuol ricordare che tale tradizione, che stava oramai assopendosi è stata riportata in vita grazie all’impegno profuso dall’Inter club di Montesarchio a partire dagli anni ’90. Il Club vanta di circa 80 soci, tra cui 10 del direttivo attualmente presieduto da Antonio Argenziano suffragato da altri soci del consiglio: Silvio Stella, vice presidente; Supino Ernesto, presidente onorario; Pompeo Nobile, cassiere; Savigliano Aberto, addetto ai soci; Roberto Russo, segretario; Damiano Gianluca, addetto alla sede con Polo Massimo e Supino Massimo.
L’inter club non è un club di solo interesse sportivo. Si appresta anche nel promuovere ed organizzare eventi d interesse sociali e religiosi.
Quest’anno saranno13 gli altari allestiti, l’Inter club ha voluto essere presente con un proprio altare in via IV novembre.
L’altare raffigura “Gesù negli orto degli ulivi”.
Tale realizzazione guidata dal responsabile Ernesto Supino è stata possibile grazie all’impegno profuso da parte di tutti i soci.
Con grande spirito di sacrifico e con il lavoro di tutti, abnegazione e fede, anche quest’anno l’inter club non deluderà le aspettative.
I preparati si concluderanno domani sera, ove si suggellerà il tutto con una cena organizzata dal club in via IV Novembre.
Il suggestivo lavoro realizzato dall’artista Carmelo Compare sarà resto visibile a tutti domenica mattina dalle ore sette. Ad incoronare la giornata sarà la processione ove partecipano tutte le associazioni cattoliche, le confraternite, il Clero e dietro il Sacramento le autorità e il popolo. La processione partirà Dall’Abbazia di S. Nicola, dopo la Messa delle 17,e proseguirà nei diversi rioni fino a raggiungere Piazza Umberto I dove si potranno ammirare tutti gli altri.
La festa de Corpus Domini un evento ‘speciale’ non solo per l’aspetto religioso, ma perché rappresenta un momento d’incontro in cui la fede e l’arte costituiscono un perfetto connubio per far rivivere attraverso la festa, le antiche origini e per valorizzare l’arte esaltandone i colori e le forme. Un momento per rinnovare l’antica tradizione dell’allestimento di grandi dipinti, che rappresentano scene e figure sacre, denominati ‘Altari’. (foto: pagina Fb Carmelo Compare)

Imma Paolo