Omicidio De Paola e il rischio faida, in campo i reparti speciali

Omicidio De Paola e il rischio faida, in campo i reparti speciali

13 Settembre 2020

di Redazione

Omicidio De Paola e il rischio faida, in campo i reparti speciali. Faida, vendetta, ritorsione ed ancora sangue, queste parole risuonano nella mente dei massimi vertici delle forze dell’ordine irpine, dopo l’omicidio di Orazio De Paola.

Faida

Il timore che possa scatenarsi qualcosa di terribile ha indotto a blindare il piccolo centro e gran parte della Valle Caudina. Una possibile spirale si violenza che si vuole soffocare sul nascere. Ecco perché, nel piccolo centro, si sta assistendo ad un dispiegamento massiccio di forze dell’ordine.

Mimetiche

Mimetiche, baschi blu, apparati radio puma, metal detector, visiere notturne, giubbotti e caschi anti proiettili. Si riconoscono, anche da lontano, i carabinieri della compagnia di intervento operativo del battaglione di Napoli.

Gente, abituata a contrastare le faide di camorra. Insieme a loro, oltre alle normali forze dell’ordine, stanno operando reparti speciali della polizia di stato. Si cercano armi, le stesse che potrebbero vendicare, lavare nel sangue l’omicidio di via Castagneto.

Omcidio eccellente

Mai in passato, la Valle Caudina ha avuto a che fare con faide. Ma, neanche era mai avvenuto che fosse stato ammazzato un personaggio tanto importante.

Delitto Madonna

Certo, gli omicidi eccellenti non mancano. Nell’ottobre nel 1993 a Cervinara, in pieno centro, fu  ucciso Errico Madonna, avvocato e consigliori di Raffaele Cutolo. Ma parliamo di un’altra era e soprattutto Madonna faceva parte del Nuova Camorra Organizzata, gruppo perdente nella guerra con le Nuove Famiglie. Insomma, per certi versi quello di Madonna era la cronaca di una morte o annunciata.

La morte di Orazio De Paola, invece, sembra aprire scenari inquietanti. Potrebbe dare la stura  ad una vera e propria guerra per stabilire la supremazia del territorio. Insomma, come già la Direzione Distrettuale Antimafia, anche i vertici delle forze dell’ordine non credono all’omicidio passionale. Ad un’uccisione avvenuta in moto di impeto.

Omicidio De Paola e il rischio faida, in campo i reparti speciali

Non a caso, Gianluca Di Matola, oltre che di omicidio deve rispondere anche di associazione di stampo camorristico. I segnali per il possibile inizio di una guerra sembrano esserci tutti, le forze dell’ordine faranno di tutto per fermarla.O

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST de paola faida Oggi omicidio reaprto