Quantcast
Politica

San Martino, il Pd: Rinviamo l’Imu

di  Il Caudino  -  29 Maggio 2020

San Martino, il Pd: Rinviamo l’Imu. È la proposta presentata al Consiglio comunale da parte dei consiglieri Pd, Francesco Sorrentino e Costantino Ricci. Ecco il testo del comunicato.

Francesco Sorrentino e Costantino Ricci, rappresentanti democratici nell’assemblea cittadina, propongono una proroga dei termini di versamento dell’acconto IMU 2020, ai contribuenti che hanno registrato difficoltà economiche a causa della situazione emergenziale determinata dal COVID-19.

Il documento attraverso il quale si chiede il differimento della scadenza della Imu di giugno, al 30 settembre prossimo, è stato inviato telematicamente al Presidente dell’Organo consiliare del Comune di San Martino Valle Caudina.

Il differimento della rata di acconto suggerito non è generalizzato, ma mirato ai soggetti che hanno risentito degli effetti negativi dell’emergenza epidemiologica da virus COVID-19. Questo provvedimento necessità di essere adottato però in tempi brevi, utili per evitare il pagamento che oggi è fissato entro il 16 giugno prossimo. Per questo si è scelto di depositare una proposta di deliberazione che, in base al Regolamento di funzionamento del Consiglio comunale, dovrà essere calendarizzata nel prossimo consiglio comunale. L’invio al Presidente è di convocare l’assemblea entro la prima decade di giugno.

Se verrà approvata la delibera ai contribuenti in difficoltà sarà data la possibilità di eseguire il versamento entro il 30 settembre, senza applicazione di sanzioni ed interessi, ma nel contempo saranno salvaguardate le esigenze di cassa del Comune, in quanto il differimento dei pagamenti non determina un aggravio di spesa sul bilancio comunale ma solamente uno slittamento dei termini di incasso e quindi una minore liquidità temporanea. Per i contribuenti colpiti dalla crisi, che hanno avuto le attività chiuse per mesi, o hanno perso il lavoro che era già precario prima del corona virus, che sono stati messi in cassa integrazione con lo stipendi dimezzato, siano essi privati cittadini o imprenditori, poter avere più tempo per pagare rappresenterebbe comunque tangibile, seppur provvisorio sostegno.

L’auspicio poi è che successivamente, entro il termine di approvazione del bilancio, previsto per il 31 luglio vengano adottate nel merito delle agevolazioni con riduzioni dei tributi sempre per coloro i quali sono stati danneggiati dall’emergenza covid 19.