San Martino, la lunga notte di una paese con il fiato sospeso

San Martino, la lunga notte di una paese con il fiato sospeso

22 Dicembre 2019

di Il Caudino

E’ una lunga notte per San Martino, una notte insonne, da passare con i piedi nel fango e con il cuore in frantumi.
Sono tutti al Capofiume: il sindaco, la giunta, i consiglieri, il comandante della polizia municipale, il comandante dei carabinieri, i volontari.
Chi non può esserci, non pensa ad altro.
I 150 sfollati vorrebbero tornare nelle loro case. Hanno negli occhi la paura per ciò che poteva avvenire ed il timore di restare in un rifugio chi sa per quanto tempo.
E’ presto per capire quando si potrà tornare.
E’ necessario mettere in sicurezza la zona e poi capire gli interventi da fare. Ci vorrà del tempo e, passata l’emozione e lo sgomento, il rischio è che la gente di San Martino Valle Caudina, come è avvenuto già a Cervinara, possa essere lasciata da sola.
Proprio questo non deve avvenire e le istituzioni dovranno essere vigili.
La lunga notte di San Martino è appena cominciata.

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST alluvione cronaca fango fiume news notizie notte Oggi San Martino Valle Caudina