Word of Sport

Sant’Agata dei Goti: già pronti i buoni libro

I buoni libro pssono essere ritirati presso il comune
sei in  valle caudina

3 mesi fa - 21 Settembre 2021

Sant’Agata dei Goti: già pronti i buoni libro. L’assessore alle Politiche Sociali del comune di Sant’Agata dei Goti Angelina Iannotta ha comunicato che sono in distribuzione, per gli aventi diritto, i buoni libro relativi all’anno scolastico 2021/2022 per alunni iscritti alla Scuola Secondaria di Primo e di Secondo grado.

Disponibili presso il comune

I buoni libro potranno essere ritirati dai beneficiari presso la sede comunale secondo le modalità stabilite dall’avviso pubblicato sui canali istituzionali dell’Ente.

Rispetto alle annualità precedenti, commenta l’assessore Angelina Iannotta, i buoni verranno distribuiti con largo anticipo, anche rispetto alla scadenza regionale fissata per il 15 ottobre, dando così, agli studenti beneficiari, la possibilità di approvvigionarsi dei libri in tempi utili e congrui. Abbiamo, inoltre, evitato di demandare agli istituti scolastici – già gravati dalle disposizioni gestionali dovute all’ emergenza sanitaria –  l’onere della distribuzione dei buoni.

Sant’Agata dei Goti: già pronti i buoni libro

Altra importante innovazione per  quest’anno, conclude l’assessore,  è l’utilizzo del sistema Qr-code che consente l’acquisizione dei buoni in formato digitale con conseguente semplificazione e velocizzazione sia in emissione/distribuzione che in acquisizione da parte delle cartolibrerie accreditate.

Credo che questa Amministrazione stia dando segnali tangibili e concreti  di miglioramento nella gestione dei servizi,  semplificando il più possibile i procedimenti e riducendo i tempi di attesa per i cittadini. Anche questo significa costruire una città nuova”.

Sant’Agata de’ Goti: Non si facciano affari sull’acqua

Il Comitato Beni Comuni di Sant’Agata de’ Goti tuona contro la Gesesa: non si facciano affari sull’acqua. Sarà inaugurata il 23 settembre da Gesesa la nuova illuminazione artistica del Costone Martorano di Sant’Agata de’ Goti.

Si legge nella nota diffusa dalla società che gestisce l’erogazione dell’acqua. “il nuovo sistema di luci consente, tramite l’uso di sfumature cromatiche, una lettura dei vari piani e la valorizzazione del costone tufaceo nel rispetto del patrimonio storico naturalistico”.

Questo tipo di iniziativa va in direzione opposta alle intenzioni che hanno portato, lo scorso anno, all’organizzazione di un tavolo per la ripubblicizzazione dell’acqua da parte del Comitato Beni Comuni di Sant’Agata de’ Goti assieme all’amministrazione comunale.

La Gesesa, appartenente al gruppo Acea, è una delle tante società miste pubblico-privato che, nonostante la volontà espressa dagli italiani, fa profitto sull’acqua.

I proventi della vendita dell’acqua, così come ricordato non troppe settimane fa dal Comitato Sannita Acqua Bene Comune per una situazione analoga, dovrebbero essere investiti nelle reti, e non potrebbero essere utilizzati per finanziare campagne pubblicitarie o sponsorizzazioni.

L’acqua non è una merce

Il Comitato Beni Comuni di Sant’Agata de’ Goti tiene ancora una volta a precisare che l’acqua non è una merce. E che i proventi delle bollette dell’acqua non possono essere utilizzati per operazioni pubblicitarie.

Si dovrebbe chiedere, poi, ai santagatesi cosa ne pensano. Non basta accendere un paio di lampadine per dire che c’è un’azienda che investe nel territorio. Le tariffe più elevate in Campania, nessun investimento nella rete idrica, 12 depuratori sotto sequestro.

Sponsorizzazioni non richieste a carico dei cittadini, ultimo bilancio della SpA in perdita. Stiamo parlando di una società che vende a caro prezzo l’acqua.

E poi vorrebbe destinare una piccola parte dei propri profitti all’illuminazione di un costone già illuminato, anziché investire nella manutenzione e nell’efficientamento della rete idrica.

Sant’Agata dei Goti: già pronti i buoni libro
TEMI DI QUESTO POST assessore buoni libri Oggi sede comune