Il Caudino
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Sesso, ecco la classifica delle regioni più focose

Pubblicato il 14 Dicembre 2022 - 17:24

Sesso, ecco la classifica delle regioni più focose

Sesso, ecco la classifica delle regioni più focose. Sesso: la classifica delle regioni più focose. Il sondaggio è a cura del sito incontri-extraconiugali.com (su un campione di 2000 uomini e donne) e parla chiaro. In media si effettuano 2,6 rapporti ogni settimana. Qual è la regione più focosa? La Lombardia con 3,75 rapporti a settimana, ovvero 15 al mese. Nelle Marche appena 9 volte al mese, 2,25 a settimana.

La media annuale 123 volte

Gli italiani di età compresa tra i 18 ed i 50 anni “lo fanno” mediamente 123 volte all’anno, ovvero 10 volte al mese, il che significa 2,6 rapporti di sesso ogni settimana con una durata media che dal sondaggio risulta essere di 8,5 minuti (ovviamente sulla fiducia).

Insomma quasi il doppio rispetto alla media planetaria che, secondo il valore medio degli studi in materia, è di 72 rapporti all’anno con una media di 6 rapporti al mese, ovvero 1,5 volte a settimana.

Il parere del Daily Mail

L’autorevole quotidiano britannico «Daily Mail» sostiene che le coppie felici debbano però consumare dai 3 ai 4 rapporti sessuali la settimana, condizione che quindi non è  soddisfatta nel resto del mondo ma che si concretizza proprio in Italia in Lombardia dove la media è di 3,75 rapporti settimanali, Campania (3,5 rapporti), Lazio (3,45 rapporti) e Toscana (3,15 rapporti).

Le regioni meno “felici”

A tener conto delle premesse del «Daily Mail», le regioni italiane più “infelici” sarebbero invece il Molise (2,1 rapporti settimanali), il Friuli Venezia Giulia (1,95 rapporti) e la Valle d’Aosta (1,92 rapporti), che comunque rimangono al di sopra della media internazionale. Insomma, ancora oggi, nonostante tutto, “gli italiani lo fanno meglio e di più”.

Qualità e non quantità nel sesso

Vi è addirittura un 10,2% degli intervistati che sostiene di fare sesso tutti i giorni. Eppure, stando al giornale britannico, in molte delle nostre regioni mancherebbe ancora un po’ di sesso per essere felici.

Sarà anche per questo che si tende al tradimento? “Il problema degli italiani non è il numero di rapporti dentro o fuori dal matrimonio ma il grado di soddisfazione: insomma non è un problema di quantità, ma di qualità.

L’insoddisfazione sessuale è una “mina vagante” nei rapporti di coppia, tanto che una coppia su 4 va in crisi. Poi però, la metà di esse si salva proprio grazie al tradimento, risponde Alex Fantini, ideatore di Incontri-ExtraConiugali.com.

Il sondaggio

Non si tratta quindi di bisogni di intimità non soddisfatti a determinare le scappatelle. Il tradimento si conferma invece —anche in questo ultimo sondaggio— come una “strategia efficace per aumentare la soddisfazione della vita”, attraverso la ricerca di una relazione esterna che compensi ciò che manca all’interno della coppia.

La fotografia è scattata da Incontri-ExtraConiugali.com coinvolgendo un campione di 2 mila uomini e donne tra i 18 ed i 50 anni, intervistati online dal 5 al 9 dicembre di quest’anno.

Le tendenze

Stando ai dati raccolti, tra le curiosità emerge che i più timorosi di deludere il partner sono gli uomini del Friuli Venezia Giulia, i meno preoccupati di lasciarla insoddisfatta sono gli uomini della Sicilia, mentre quelli più ossessionati da un possibile tradimento sono quelli della Calabria.

Poi ancora —emerge dall’indagine— l’età media della “prima volta” è di 18 anni ed a partire da questa età la maggior parte degli adulti ha almeno 1,9 rapporti sessuali a settimana (valore minimo registrato in Trentino Alto Adige), con una media nazionale che è di 2,6 rapporti a settimana.

La ricerca sembra in parte smentire il proverbiale “ardore” degli uomini del Sud, perché —tra le regioni dove si è più attivi sotto le lenzuola— al primo posto si classifica la Lombardia con una media di 3,75 rapporti a settimana. Seguono poi Campania (3,5), Lazio (3,45) e Toscana (3,15).

Continua la lettura