Ti Spiazzo in Due: in amore nessun contrappasso

Ti Spiazzo in Due: in amore nessun contrappasso

20 Aprile 2014

di Il Caudino

Nuova puntata della rubrica dedicata ai cuori infranti caudini: se vuoi parlare con Rosaria, manda una mail a: info@89.36.209.42

Cara Rosaria,
per motivi ancora oggi, a distanza di cinque mesi, a me non chiari, ho chiuso un fidanzamento di circa due anni. La mia sensazione è che lui abbia applicato la cosiddetta legge del contrappasso e che abbia fatto a, me ciò che era stato fatto a lui dalla sua ex. Come capire se ho ragione?

(P., Montesarchio, 26 anni)

Carissima P.,
se ho ben inteso, a Suo dire, il Suo ex La avrebbe lasciata senza una ragione, riservandoLe lo stesso trattamento di cui il medesimo era stato vittima, a chiusura di una precedente relazione.
Le confesso che, in prima lettura, ho sentito di poter escludere a priori l’avvenuta applicazione della “legge del contrappasso” da Lei citata, se non altro perché “contrappasso” (dal latino contra patior), letteralmente, significa “soffrire il contrario” (ricorderà, all’uopo, che i dannati ed i penitenti dell’”Inferno” e del “Purgatorio” danteschi espiano pene “contrarie” alle sofferenze che hanno inflitto in vita; cito, ex pluribus, il superbo Umberto Aldobrandeschi, costretto a tenere il capo eternamente chino dal peso di un masso sulla cervice, o gli ignavi, costretti a rincorrere senza sosta un vessillo bianco…). Poi, però, ripensandoci, mi è tornato in mente che lo stesso Dante applica la legge in parola non solo per “contrario”, ma anche per “analogia”, (ricordo, ad esempio, i lussuriosi, tormentati da una incessante bufera…). Ed ancora, ho riflettuto sulla teoria criminologica che vuole i carnefici ed i violenti vittime precedenti dei medesimi comportamenti da essi attuati.
Non di meno, anche dopo questa riflessione, non scomoderei né Dante né la criminologia, e Le consiglierei di accendere un cero su questo pensiero “malsano” ove applicato ad una relazione in fase “patologica”. E questo, per due ordini di motivi: 1. Mi sembra che, in tal modo, Lei finisca per giustificare il comportamento irresponsabile (sic et simpliciter) del suo ex, nobilitandone la natura con teorie affascinanti, ma impertinenti. Le fa male, a mio avviso, questo afflato indulgente, perché meritano comprensione solo le persone che conoscono ed applicano la regola del “più soffriamo, e meno lo rivendichiamo”; 2. Non è bene che, anche nel ricordo, e per quanto finita, una storia, che dovrebbe essere solo “Sua e del Suo ex”, sia sporcata dalla presenza (vera o ipotizzata) di un’altra persona. Purtroppo, alle volte, è più facile addebitare ad un terzo incomodo responsabilità che sono solo nostre e di chi amiamo. Credo, infatti, che l’accettazione corretta dei nostri ruoli sia l’unica strada percorribile per vivere serenamente un rapporto, sia in fase fisiologica che nella fase del tramonto.

Rosaria Ruggiero

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Attualità Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST cervinara cuori infranti Home rubrica valle caudina