Un nuovo positivo a Cervinara ed uno a Rotondi

Un nuovo positivo a Cervinara ed uno a Rotondi

28 Febbraio 2021

di Redazione

Un nuovo positivo a Cervinara ed uno a Rotondi. Si contano 147 nuovi positivi oggi in provincia di Avellino. Mentre i tamponi processati sono stati 1.508. Lo rende noto l’azienda sanitaria locale Avellino nel corso del report quotidiano. Purtroppo, i positivi, anche   in Irpinia continuano ad aumentare, giorno dopo giorno.

Del resto, si segue il trend della Regione Campania dove oggi si contano 2.561 nuovi positivi e 5 decessi. Oggi si registra un nuovo positivo anche a Cervinara ed un altro a Rotondi, dove anche ieri veniva segnalato un positivo.

Purtroppo, pensare che la Valle Caudina irpina possa restare fuori da ciò che sta avvenendo in tutta la nostra regione ed in tutta Italia è pura follia, però, ieri sera gli assembramenti non si contavano ed anche questa mattina si è fatto il bis.

Viene da parafrasare la frase di Pietro Nenni, piazze piene, urne vuote, per sintetizzare  quello che continua a succedere in tutta la regione Campania. Il governatore De Luca ha sospeso l’attività didattica, a causa dei troppi contagi. Nell’ordinanza che ha redatto raccomanda alle forze dell’ordine anche un inasprimento dei controlli.

Non si contano gli assembramenti

Ma stasera, come ogni sabato che si rispetti, gli assembramenti non si contano. I locali chiudono alle 18.00, ma funzionano per l’asporto sino alle 22.00 e tutti possono prendere da bere.

Lo possono consumare in strada, uno accanto all’altro, mascherine abbassate e senza timore di poter incappare in qualche controllo. Ma lunedì, si torna a fare la didattica a distanza. Sembra di trovarci nel pieno di una farsa.

Peccato che non siamo tra le quinte di un teatro, ma parliamo di vita vera. Parliamo di una regione ad un passo dal diventare zona rossa che continua a non aver uno straccio di controllo che possa fermare la follia dell’aperitivo a tutti i costi.

Strade piene, scuole chiuse

Parliamo della formazione dei cittadini di domani che continua dallo schermo di un computer o di un cellulare. Parliamo di giovani che rischiano di essere meno preparati di tutte le generazioni che le hanno precedute.

De Luca può chiudere le scuole, ma può solo invitare le forze dell’ordine a far rispettare le regole anticovid. Sembra un ossimoro, invitare le forze dell’ordine a far rispettare la legge. Eppure è proprio così.

Dovrebbe toccare al ministro degli interni dare disposizioni rigide ai prefetti ed i prefetti alle forze di polizia. Ma questo da mesi non avviene. I motivi non si conoscono, ma i risultati restano sotto gli occhi di tutti.

Il diritto al divertimento

Il diritto al divertimento ha maggiore forza del diritto alla salute e del diritto all’istruzione. Questo è ormai sancito. Chi si oppone viene anche bacchettato e preso di mira. Lunedì si riparte con la didattica a distanza ed, intanto, si spera che le varianti del covid non mettano a tappeto il nostro sistema ospedaliero.

Ma i morti non contano, non contano più in questo strano paese dove c’è chi rischia la vita per fermare la malattia pandemica e chi se ne continua a fregare. Ed allora, strade piene e scuole chiuse.

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cervinara Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST cervinara positivi. featured rotondi