Word of Sport

500 euro di multa per scollature,minigonne e approcci in strada

Tolleranza zero contro la prostituzione
sei in  Politica

3 mesi fa - 10 Novembre 2021

500 euro di multa per scollature,minigonne e approcci in strada. L’obiettivo è di quelli ambiziosi perchè mai si è riuscito ad estirpare il fenomeno della prostituzione nelle strade di raccordo di San Tammaro e in particolare lungo l’Appia.

Incontri clandestini

La strada che attraversa la cittadina collegando Capua all’agro aversano passando per il carcere è da sempre teatro di incontri clandestini tra clienti ed escort.

Il neo eletto sindaco Vincenzo D’Angelo prova a giocare la carta della tolleranza zero con una nuova ordinanza. Previste multe fino a 500 euro sia per gli automobilisti che per le prostitute: le sanzioni scattano per chi assume “atteggiamenti con l’intento di adescare” ma anche per chi “indossa abbigliamenti inequivocabili per esercitare meretricio”.

Occhio dunque a scollature vertiginose, minigonne striminzite ma anche approcci troppo diretti.Un giro di vite pronto a scattare anche perchè molti incontri avvengono a ridosso delle abitazioni o dei parchi frequentati anche dai bambini.

Le multe scatteranno anche per i clienti che verranno sorpresi con le prostitute o mentre contrattano il prezzo dell’eventuale prestazione sessuale.

Tornano da Medjugorje: in 30 prendono il Covid, 6 no-vax gravi in ospedale

Pellegrinaggio a Medjugorje, viaggio della fede, ritorno da incubo per 180 fedeli: più di 30 infettati e 6 — tutti non vaccinati e no vax accaniti — ricoverati nel reparto malattie infettive dell’Azienda ospedaliero universitaria di Sassari.

Sono quasi tutti anziani, hanno più di 60 anni, alcuni respirano con difficoltà con il casco Cpap e rischiano il ricovero in terapia intensiva. È nuovamente allerta, con il nuovo focolaio che rischia di propagarsi, perché i pellegrini provengono da una decina di centri della Gallura, ma anche da altri comuni del Nord Sardegna e da Sassari.

Partiti da Arzachena

Il viaggio è partito da Arzachena e si è svolto regolarmente. Trasferimenti in autobus, senza particolari precauzioni, nonostante la Bosnia sia uno degli stati segnalati per una terza ondata della pandemia particolarmente diffusa.

Rientro in Sardegna il 28 ottobre e primi casi il 2 novembre: 13 pazienti d’urgenza al pronto soccorso a Sassari, con riscontro di positività, 6 immediatamente trasferiti a malattie infettive. Una donna soltanto, fra i contagiati, era già vaccinata, con due dosi. Positivo anche il marito, tuttavia sintomatico, e sottoposto all’isolamento nella sua abitazione.

Il pellegrinaggio è organizzato da un’agenzia turistica specializzata in tour nei luoghi sacri in Europa e prevedeva un pacchetto completo, 5 giorni, trasferimenti, pernottamenti, escursioni di gruppo e pranzi.

Non risultano essere adottate particolari precauzioni e il contagio potrebbe essere avvenuto nei trasferimenti in autobus, durante i quali i pellegrini si sono travati in spazi ristretti e sono al lungo rimasti in contatto ravvicinato.

Il reparto di terapie intensive di Sassari è sotto pressione

Il reparto malattie infettive dell’AOU di Sassari, diretto da Sergio Babudieri, è così nuovamente sotto pressione. Negli ultimi giorni i ricoverati sono più che raddoppiati. Le condizioni dei ricoverati per il cluster sopravvenuto dopo il pellegrinaggio non sono ritenute al momento gravi, ma comunque serie e «non stabili».

L’unità di crisi anti Covid ha predisposto misure di contrasto per circoscrivere i focolai a Tempio, Arzachena, Bassacutena, Olbia e Luogosanto. I centri della Gallura di residenza della gran parte dei pellegrini.

Poi ha avviato lo screening sui 180 che hanno partecipato al viaggio e cerca di ricostruire i contatti — numerosi nel ponte dei Santi — che potrebbero avere coinvolto oltre mille persone. (Fonte corriere.it)

500 euro di multa per scollature,minigonne e approcci in strada
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Politica Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST minigonne Oggi prostitute scollature