Il Caudino
Cerca nel sito - Vai alla pagina di ricerca

Sezioni

Argomenti

Valle Caudina: schianto mortale sull’Appia, il conducente dell’auto con la vittima non ha mai conseguito la patente di guida

15 Settembre 2023 - 10:52

Valle Caudina: schianto mortale sull’Appia, il conducente dell’auto con la vittima non ha mai conseguito la patente di guida

alle Caudina: schianto mortale sull’Appia, il conducente dell’auto con la vittima non ha mai conseguito la patente di guida. Aperta un’inchiesta in merito all’incidente mortale avvenuto lungo la strada statale Appia, nel territorio del comune di Forchia.
Nello schianto, avvenuto alle 4 e 15 di domenica 10 settembre,  ha perso la vita un 51enne, originario di Brusciano ma residente ad Arpaia.

Le ambulanze sull’Appia

Oltre al 51enne morto, si sono contati ben cinque feriti che viaggiavano su tre vetture: una Focus, una CMax ed una Picasso, quest’ultima con a bordo il 51enne. Tutte le ambulanze del compronsorio sono state inviate sulla strada statale Appia per soccorrere il feriti

Nella mattinata di ieri è stato conferito l’incarico ad un medico legale per l’espletamento dell’esame autoptico sulla salma. Le indagini sono state affidate al Sostituto Procuratore della Repubblica dott.ssa Maria Colucci. Più persone sarebbero state iscritte nel registro degli indagati per omicidio stradale.
Le cinque persone ferite nell’incidente sono ancora ricoverate nei nosocomi della provincia di Benevento, per loro si prospetta un lungo periodo di degenza, nonostante non siano in pericolo di vita.

Guida senza patente

Dalle indagini è emerso che il conducente del veicolo Citroen Picasso, macchina sulla quale viaggiava la persona che ha perso la vita, è un pregiudicato residente ad Airola, che non aveva mai conseguito la patente di guida.
Diverse persone coinvolte in questo violentissimo incidente possano contare sull’assistenza legale dello Studio Leone che si trova a Quindici, in provincia di Avellino. Al momento lo studio legale ha preferito non rilasciare alcuna dichiareazione alla stampa.

Continua la lettura